Bando corsi di sostegno in primavera, no assunzioni a settembre 2019

Stampa

I nuovi corsi di sostegno, molto attesi sia dai docenti precari che di ruolo, potranno probabilmente essere avviati in primavera. La Legge di Bilancio 2019 ha infatti modificato i requisiti di accesso e si è in attesa dell’autorizzazione del MEF. 

Durante il question time di ieri 17 gennaio il Ministro Bussetti ha affermato

” abbiamo avviato il terzo ciclo di specializzazione sul sostegno per la scuola dell’infanzia e primaria e richiesto al MEF, per la prima volta, di autorizzare ben 40.000 posti per i prossimi corsi di specializzazione, anche per la scuola secondaria: i nuovi corsi potrebbero partire già nella prossima primavera” 

Dunque una data c’è ed e quella della primavera. Anche se il bando venisse anticipato, in ogni caso bisogna tenere conto del tempo occorrente per le selezioni (test preliminare – prova scritta – prova orale) e di quello occorrente per lo svolgimento del corso.

I nuovi requisiti

Per la scuola di infanzia e primaria i requisiti di accesso sono invariati

  • Laurea in Scienze della formazione primaria o
  • diploma magistrale e diploma sperimentale ad indirizzo linguistico conseguiti presso gli istituti magistrale entro l’a.s. 2001/02.
  • analogo titolo conseguito all’estero  e riconosciuto in Italia come equipollente

Scuola secondaria di I e II grado

Alla luce delle osservazioni del CSPI sulla bozza di decreto e della recente approvazione della Legge di Bilancio 2019, i requisiti di accesso potranno diventare

  • abilitazione all’insegnamento in una delle classi di concorso del grado che si richiede
  • laurea (titolo idoneo per una delle classi di concorso del grado per cui si partecipa)+ 24  CFU nelle discipline antropo – psico – pedagogiche ed in metodologie e tecnologie didattiche
  • laurea (titolo idoneo per una delle classi per il grado richiesto) e 36 mesi di servizio, intese come 3 annualità (indifferentemente posto comune o sostegno).  Il possesso del requisito di servizio potrebbe dunque permettere dunque, per il primo corso, di essere esonerati dai 24 CFU [in analogia a quanto stabilito, con le nuove regole, per il concorso ordinario].

N.B. Quest’ultimo requisito non è espressamente previsto dalla Legge di Bilancio ma potrebbe essere inserito per analogia al concorso ordinario. Sarà il decreto definitivo a chiarire la questione. Al momento il requisito certo è laurea + 24CFU o abilitazione.

Requisiti di accesso ITP

Per gli ITP c’è ancora qualche criticità da superare. E’ probabile che il requisito di accesso rimanga il diploma.

La normativa sui corsi di sostegno

A regolare le procedure del corso di specializzazione sostegno è il  Decreto ministeriale 30 settembre 2011.

Il corso permetterà di acquisire 60 CFU e durerà non meno di otto mesi.  Il percorso è così strutturato

  • 36 CFU Insegnamenti
  • 9 CFU Laboratori
  • 12 CFU Tirocinio
  • 3 CFU Prova Finale

Posti vuoti su sostegno

Nell’a.s. 2017/18 numerose immissioni in ruolo su sostegno non sono state effettuate per la mancanza dei docenti nelle rispettive graduatorie.

Il gap è stato in parte recuperato con gli accantonamenti disposti o che saranno disposti per la scuola secondaria dal concorso 2018.

Ma il problema è destinato a rimanere, i nuovi corsi di sostegno non potranno certo concludersi in tempo per le assunzioni dell’a.s. 2019/20. Tra l’altro è intenzione del Ministero di anticipare le operazioni

Probabilmente i nuovi specializzati, man mano che i corsi termineranno, potranno inserirsi negli elenchi aggiuntivi alla seconda fascia di istituto, fino all’aggiornamento.

La specializzazione sarà inoltre requisito di accesso al concorso docenti atteso sempre nel 2019.

Stampa

Graduatorie terza fascia ATA: incrementa il punteggio con le offerte Mnemosine, Ente accreditato Miur