Bando Co.Co.Co, segreterie inseriscono domande al SIDI entro il 16 aprile

di redazione
ipsef

item-thumbnail

La domanda per partecipare al bando Co.Co.Co per la procedura selettiva per titoli e colloquio, finalizzata all’immissione in ruolo, a decorrere dall’a.s. 2018/2019, del personale che, alla data di entrata in vigore della legge (1 gennaio 2018), è titolare di contratti di collaborazione coordinata e continuativa stipulati con le istituzioni scolastiche statali per lo svolgimento di funzioni assimilabili a quelle degli assistenti amministrativi e tecnici ai sensi dei decreti attuativi dell’articolo 8 della legge 3 maggio 1999, n. 124 è scaduta il 30 marzo 2018.

INSERIMENTO DOMANDE AL SIDI

Dal 10 aprile e fino al 16 aprile p.v. sarà disponibile sul portale SIDI la funzione per l’acquisizione delle domande di partecipazione dei soli aventi diritto.

Il termine del 16 aprile è da considerarsi perentorio

PERCORSO PER LE SEGRETERIE

Le funzioni di gestione delle domande saranno disponibili al percorso:

Reclutamento

  • Legge 205 del 27/12/2017, art. 1 commi 619-621 e prevedono la seguente articolazione:
    – Acquisizione/aggiornamento domande – Upload domande in formato pdf – Interrogazione domande – Cancellazione domande.

La piattaforma consentirà l’inserimento solo previa digitazione del codice fiscale dell’aspirante effettuando, quindi, un primo controllo volto a verificare se l’istituzione scolastica che sta operando ha competenza sull’aspirante indicato. In caso di esito negativo verrà impedita l’acquisizione; superato tale controllo sarà possibile procedere con l’operazione di inserimento a sistema delle istanze di partecipazione.

INSERIRE SOLO LE DOMANDE CON I REQUISITI

Qualora siano state presentate all’istituzione scolastica domande di partecipazione in mancanza dei requisiti prescritti (soggetti non aventi diritto) le stesse dovranno essere inviate, al fine di procedere per i conseguenti provvedimenti di competenza, al seguente indirizzo PEC [email protected], entro il medesimo termine del 16 aprile 2018.

La nota

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
voglioinsegnare