Banchi singoli, un’altra grana per Azzolina e Arcuri: è corsa contro il tempo

I primi banchi monoposto sono arrivati nelle scuole italiane, ma, è bene precisarlo, non sono quelli del bando Arcuri di cui si è tanto discusso in questa estate.

La consegna dei banchi monoposto e di quelli con la seduta innovativa è prevista a partire dall’8 settembre e per tutto il mese di ottobre. I banchi arrivati erano già stati ordinati dalle singole scuole. Allora, dunque, a che punto siamo con il bando sui banchi? Il Sole 24 Ore, in edicola, fa il punto della situazione e pone tre domande al commissario: Chi ha vinto l’appalto?, La tipologia di fornitura prevista dalla gara è stata cambiata? Saranno rispettati i tempi prorogati di consegna?

Il bando prevede la fornitura di oltre 2 milioni di banchi tradizionali monoposto e 350 mila con seduta innovativa.

Martedì il commissario ha firmato l’accordo con le 11 imprese vincitrici, ma i nomi saranno resi noti soltanto a settembre. Una di queste aziende è l’Ati, un consorzio di ben sette aziende associate ad Assufficio. Dovrebbero far parte del lotto di aziende vincitrici anche la Quadrifoglio e la Estel con Omp che dovrebbe fornire migliaia di sedute innovative.

La maggior parte dei banchi è stato richiesto dal Sud, mentre al Nord pare che si siano mossi per tempo. I banchi che stanno arrivando in questi giorni sono quelli ordinati dalle amministrazioni locali, che si erano mosse prima che il governo si facesse carico di questo compito.

Docenti neoassunti, formazione su didattica digitale integrata. Affidati ad Eurosofia per acquisire le competenze richieste