Banchi monoposto ritirati, Toccafondi (Iv): “Un caso che non fa bene alla scuola”

Stampa

“La vicenda dei 110mila banchi scolastici ordinati dal precedente commissario per l’Emergenza, e il ritiro di una parte consistente di quelli consegnati, per la mancata conformità alle normative sulla sicurezza, come oggi conferma Bianchi, non fa bene a nessuno: non fa bene alla scuola, ai ragazzi e al futuro”.

Lo ha detto Gabriele Toccafondi, capogruppo di Italia Viva in Commissione Cultura alla Camera, nella replica al question time con il ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi, a proposito della richiesta del collega Marco Di Maio di chiarire quali siano le intenzioni del ministero rispetto al problema dei 110mila banchi scolastici monoposto ordinati dal commissario per l’emergenza e oggi risultati non idonei.

Banchi monoposto, Bianchi: “Seguiamo con attenzione la vicenda. Stanziati fondi per la sostituzione di quelli non a norma”

A un giorno dalla giornata mondiale dell’insegnamento avremmo voluto trattare temi come la lotta al precariato o della riscoperta in questo paese dell’importanza della scuola e del suo percorso educativo. Questo governo ha orgogliosamente rivendicato le 60mila assunzioni, i 2 miliardi di investimenti, le risorse storiche del Pnrr”, prosegue Toccafondi.

Si è aperta una nuova stagione per la scuola in cui tutti abbiamo una responsabilità nell’utilizzare bene le tante risorse a disposizione desinate alle scuole e ai ragazzi. E’ una cosa ben diversa da quanto riportato e confermato dalla puntuale descrizione e ricostruzione del ministro della vicenda dei banchi: la precedente gestione del commissario per l’Emergenza, i bandi le verifiche, i collaudi, le consegne, gli arredi nuovi rimasti inutilizzati, il ritiro, il monitoraggio di giugno del ministero a seguito della richiesta della Struttura Commissariale, il monitoraggio che ha fatto emergere la mancata conformità alle normative in materia di sicurezza. Il conseguente ritiro“, ha concluso.

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur