Banchi monoposto, rilevazione ministeriale. Anquap stigmatizza l’intervento: “Inutile lavoro per le segreterie”

WhatsApp
Telegram

Un questionario sulla rilevazione dei banchi monoposto e delle sedute standard da compilare entro il 24 giugno. Così il Ministero dell’Istruzione chiede alle scuole informazioni in merito ai famosi banchi che tanto hanno fatto discutere un anno fa. 

La rilevazione è strettamente necessaria a fornire al “Commissario straordinario per l’attuazione e il coordinamento delle misure di contenimento e contrasto dell’emergenza epidemiologica COVID-19” informazioni utili per la gestione delle forniture suddette, si legge nel documento.

L’Anquap, in una nota, stigmatizza la comunicazione ministeriale. Ecco uno stralcio del comunicato:

Domanda: ma il Commissario ha bisogno delle scuole per sapere quanti banchi ha distribuito alle stesse?!!

Risposta: No!  Ci permettiamo un suggerimento semplice, non ce ne vogliate: è sufficiente che il Commissario si rivolga a coloro che sono stati incaricati delle consegne.

Per le scuole (più sfortunate) che non hanno ricevuto nessuna richiesta lo stesso Ministero specifica (riportiamo testualmente):

..” nel caso di mancata ricezione della e-mail entro le ore 9 di lunedì mattina 21 giugno, è necessario inviare una richiesta di assistenza al suddetto Help Desk Amministrativo Contabile indicando un indirizzo e-mail alternativo rispetto alla casella di posta elettronica dell’istituzione scolastica, per il re-invio del link per la compilazione del questionario.”

Capito perché sfortunate? Queste infatti devono, oltre a compilare la rilevazione, occuparsi anche di procurarsela.

Domanda: come hanno fatto queste scuole a sapere della rilevazione se non hanno ricevuto nemmeno la mail contenente la prima comunicazione?

Risposta: ?! Contiamo sul passaparola.

Chiediamo venia per l’ironia ma questo “modus operandis” del Ministero non fa altro che generare un continuo e a volte inutile lavoro alle segreterie scolastiche.

WhatsApp
Telegram

ASUNIVER e MNEMOSINE, dottorato di ricerca in Spagna: cresci professionalmente e accedi alla carriera universitaria con tre anni di congedo retribuito