Banchi a rotelle, corsa contro il tempo, ma le imprese italiane si sfilano: “Tempi sbagliati”

Entro le 14 di oggi, mercoledì 5 agosto, bisognerà presentare la domanda per partecipare la bando per i banchi: una fornitura da circa 2,4 milioni. Si tratta, nella maggioranza dei casi, di banchi tradizionali, mentre sono circa 440mila quelli nuovi sui cui si è innescata la polemica.

Al Corriere della Sera parla Alessandro Zecchin, vice presidente di AssoDidattica: “Probabilmente stanno considerando altri mercati, ma le quantità sono davvero impensabili, neanche facendo un raggruppamento temporaneo di imprese ce l’avremmo fatta, ci siamo fatti i conti in casa, come si suol dire, e ci siamo resi conto che eravamo ben lontani dal requisito. Per soli duecentomila banchi, il lotto minimo, ci vogliono tre/4 mesi di produzione. E la logistica del trasporto? Se li immagina 800/1000 mezzi per muovere 200 mila banchi, una colonna di 10 km? Dovremmo farla scortare dall’esercito? Ci dispiace che non ce lo abbiano detto prima”.

Docenti neoassunti, formazione su didattica digitale integrata. Affidati ad Eurosofia per acquisire le competenze richieste