Bambino caduto da scale, personale in servizio nelle scuole è sufficiente per vigilanza?

di redazione

item-thumbnail

Venerdì pomeriggio si svolgeranno i funerali del bambino caduto dalla ringhiera dell’ultimo piano della scuola Pirelli a Milano. 

Il mondo della scuola è scosso da questo avvenimento e piange per il bambino vittima inconsapevole di un sistema sempre più complesso.

Sono di ieri le parole di Camilla Sgambato responsabile scuola del PD, che riportano la tragedia ai reali problemi che si trova ad affrontare la scuola.

“Ma quando muore un bimbo nel posto che dovrebbe essere il più sicuro e il più accogliente, ecco, allora il colpevole, quello vero, è fuori dalla scuola.

È di chi non ha considerato, in tanti anni, la scuola e la drammatica carenza negli organici, docenti e ATA, il problema principale del Paese.”

E fa riflettere la preoccupazione del Ministro Fioramonti, che in Legge di Bilancio 2020 trova risorse insufficienti per l’istruzione.

Legge di Bilancio, Fioramonti preoccupato: poche le risorse per scuola e ricerca

Sono ore in cui la scuola riflette su stessa e probabilmente lo farà in assemblea sindacale il prossimo 31 ottobreper assumere l’impegno a richiamare la massima attenzione di tutti sui rischi di chi studia e lavora in edifici inadeguati, con organici precari e insufficienti, questioni che esigono un interesse costante da parte della politica e soprattutto una concreta capacità di intervento attraverso scelte mirate e coerenti di investimento a supporto della sicurezza di strutture e impianti e di efficaci strategie di prevenzione.”

Sulla vicenda infatti “la Procura – riporta il Corriere ed. Milano –  oltre i ruoli delle persone direttamente coinvolte (le due maestre e la bidella), valuterà anche profili più ampi: l’adeguatezza degli organici per assicurare la sorveglianza e la scelta di tenere le prime classi al piano più alto.”

E si ritorna al punto di partenza: la carenza di organici, i tagli che hanno falcidiato la scuola, la mancanza di una prospettiva di largo respiro per un settore così importante della società.

Versione stampabile
Argomenti:
soloformazione