Bambini di 5 elementare denunciano: Scuola in pericolo; rimuovete il contenitore in amianto

di Elisabetta Tonni
ipsef

item-thumbnail

“La scuola è in pericolo”. Avrebbe potuto essere il titolo di un tema. Invece si tratta di una denuncia da parte di alcuni bambini di quinta elementare di Palermo scritta con il linguaggio giornalistico corretto. 

La notizia è riportata sul sito Ansa che ha dato un’eco alla cronaca degli alunni preoccupati per la presenza di un contenitore di amianto davanti al loro istituto.

La denuncia dei bambini fa seguito alle segnalazioni ufficiali indirizzate al comune, alla Rap e ai vigili urbani. Nulla però si è mosso: il rifiuto tossico posto a cinque metri dall’ingresso della scuola da almeno tre mesi si trova ancora lì.

I cassonetti dei rifiuti sono svuotati, ma la rimozione dei materiali cancerogeni prevede una procedura particolare che evidentemente non è stata ancora attivata.  I bambini hanno deciso di fare sentire la propria voce.

“Il comune ha avuto molte segnalazioni – scrive Ginevra, 10 anni – dai genitori e dagli insegnanti preoccupati per la salute dei loro figli e dei loro alunni. Il recipiente di amianto con gli agenti atmosferici rilascia una polverina che si accumula nei polmoni causando malattie”. E Flavio, anche lui 10 anni aggiunge: “Il comune non ha dato risposta, tutto questo è causato dalla maleducazione della gente“.

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione