Bambini come piccoli tiranni con richieste continue, Novara: “Ambiente troppo accomodante non va bene, ecco due comportamenti da evitare”

WhatsApp
Telegram

Quando i bambini si trasformano in piccoli tiranni con richieste continue, il pedagogista Daniele Novara suggerisce che la responsabilità potrebbe ricadere sulla famiglia. In una recente riflessione su Facebook, Novara sottolinea come un ambiente familiare troppo accomodante possa inavvertitamente incoraggiare comportamenti dipendenti nei bambini.

Novara identifica due comportamenti parentali chiave che potrebbero contribuire a questa dinamica. Il primo è l’azione di risparmiare qualsiasi sforzo ai figli. Questa modalità si traduce spesso in bambini che rimangono nel passeggino fino a 3-4 anni, non si vestono da soli a 5, o non sanno tagliare il proprio cibo a 10. Il secondo comportamento consiste nel trasformarsi nei “segretari” dei figli, coordinando in maniera eccessiva le loro attività quotidiane, dalla scuola alla palestra, dalla festa di compleanno alla routine della sera.

Secondo Novara, entrambi gli approcci non solo non sono efficaci, ma inviano anche un messaggio sbagliato ai bambini: “Tu non sei capace, ci penso io”. Inoltre, queste pratiche promuovono una forma di controllo che crea una dipendenza reciproca tra genitori e figli.

Per evitare queste trappole, Novara suggerisce ai genitori di fare un passo indietro. Consiglia di incoraggiare l’indipendenza fin dalla giovane età, permettendo ai bambini di 4 anni di usare il coltello a tavola, ai bambini di 5 di vestirsi da soli e ai bambini di 6 di cavarsela in bagno senza l’aiuto dei genitori. Sottolinea che i bambini non hanno bisogno di cameriere o maggiordomi, ma di genitori che stabiliscano le giuste procedure per renderli progressivamente più autonomi, liberi e, in ultima analisi, più felici.

WhatsApp
Telegram

Abilitazione all’insegnamento 30 CFU. Corsi Abilitanti online attivi! Università Dante Alighieri