Bagni (CIDI): “Non serve tutor assegnato ma tempo e luogo sereno per orientarsi”

WhatsApp
Telegram

“Non serve un tutor assegnato, non si sa in base a quali criteri, ad ogni alunno e alunna. Serve una scuola che si fa carico con ogni suo insegnante e con tutto il suo personale in servizio di affiancare gli alunni nel loro percorso di crescita”.

Ne è convinto il presidente del Cidi (Centro di iniziativa democratica degli insegnanti), Giuseppe Bagni, commentando con l’Adnkronos la proposta del ministro dell’Istruzione e del Merito Giuseppe Valditara di un prof tutor per aiutare gli studenti.

“Non serve decidere chi deve orientare chi – sottolinea – ma serve dare il tempo e un luogo sereno per orientarsi. I verbi della scuola dovrebbero essere tutti al riflessivo: orientarsi appunto, non orientare che spesso si traduce nel confermare un destino già scritto. Solo così – conclude – si garantisce la centralità di chi apprende e costruisce la propria identità negli anni fondamentali della scuola”.

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur