Azzolina sui concorsi: assumeremo 80mila docenti. Stop ai “quiz”. Servizio nella paritaria: abilitazione e concorso ordinario

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Question time del Ministro Azzolina in Senato. Si è parlato anche di concorsi per la scuola.

Quattro concorsi per assunzioni a tempo indeterminato nella scuola

“Il Ministero  – conferma il Ministro Azzolina ha bandito quattro procedure concorsuali per la copertura di ben 61.863 posti, comuni e di sostegno, su tutto il territorio nazionale, di cui 12.863 nelle scuole dell’infanzia e primaria, 25.000 posti nella scuola secondaria con il concorso ordinario e 24.000 posti di docenti della scuola secondaria da coprirsi con specifica procedura straordinaria, riservata proprio ai docenti precari con almeno tre annualità di servizio nelle istituzioni scolastiche statali.

Con riguardo, invece, al personale docente delle scuole paritarie- prosegue il Ministro – è opportuno ricordare che esso potrà partecipare, ove abbia maturato il prescritto requisito di servizio minimo, alla procedura straordinaria finalizzata all’acquisizione dell’abilitazione all’insegnamento, ferma però restando la possibilità di poter prendere parte al concorso ordinario anche ai fini dell’immissione in ruolo, se in possesso dei requisiti previsti dal bando.

Inoltre, l’articolo 230 del recente Decreto Rilancio ha incrementato di ben 16.000 unità i posti già previsti dai suddetti concorsi. Abbiamo avviato, dunque, procedure per assumere quasi 80mila docenti.

Vogliamo ridurre il precariato, per dare più stabilità alla scuola, e vogliamo farlo attraverso concorsi regolari, selettivi.

Anche per questo – conclude il Ministro –  in fase di conversione del decreto legge n. 22/2020, in discussione oggi in Aula in Senato, con un emendamento già approvato in commissione, abbiamo modificato, sulla base di un accordo di maggioranza, la modalità di svolgimento della prova d’esame del concorso straordinario, eliminando i c.d. “quiz a crocette”, previsti dal decreto scuola dello scorso dicembre, e sostituendoli con quesiti a risposta aperta.

Versione stampabile
Argomenti: