Azzolina: su orientamento ci deve essere interesse concreto

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Incontro al Miur della Rete dei Licei Biomedici. Lo comunica con un post su FB la sottosegretaria al Miur Lucia Azzolina.

Il progetto, come ricorda la Sottosegretaria, è partito dal Liceo Da Vinci di Reggio Calabria e coinvolge oggi 140 scuole fra Classici e Scientifici e circa 12.000 studenti. Sarà interessante conoscere gli esiti della sperimentazione, soprattutto in termini di scelta universitaria da parte dei partecipanti.

Per l’orientamento, ha proseguito la Azzolina, ci deve essere un interesse concreto e la stessa si batterà a tal fine.

A conclusione del suo intervento, la Sottosegretaria ha affermato la necessità di cambiare narrazione sulla scuola, che è già laboratorio di innovazione (come testimoniano i Licei Biomedici) e l’importanza raccontare e condividere le buone pratiche.

Il post completo:

Stamattina al Ministero si è svolto l’incontro della Rete dei Licei biomedici, nati da un accordo con la Federazione nazionale degli Ordini dei medici.

Questo progetto, che è partito dal Liceo Da Vinci di Reggio Calabria, coinvolge ormai 140 scuole fra Classici e Scientifici e circa 12.000 studenti. Sarà interessante e importante vedere i risultati di questa iniziativa in termini di apprendimenti e di ricadute sulle scelte per gli studi successivi che faranno i partecipanti. Anche per capire come orientare al meglio i ragazzi nella scelta del loro percorso futuro.

Come Sottosegretario all’Istruzione mi batterò affinché ci sia davvero un interesse concreto per il tema dell’orientamento. Occorre un Piano specifico.

Nel video il mio intervento di questa mattina.

Versione stampabile
Argomenti:
anief banner
soloformazione