Azzolina: “Stipendi dei prof adeguati, più formazione e istituti professionali da Serie A. Le tre cose che farei per rivoluzionare la scuola”

Stampa

Nella lunga intervista rilasciata al giornalista Francesco Merlo sul Venerdì di Repubblica, la ministra dell’Istruzione, Lucia Azzolina, ha parlato anche di scuola e di cosa vorrebbe fare per rivoluzionare il mondo della formazione in Italia. 

“Ho subito l’accavallarsi delle grandi riforme, prima da studente, poi da docente. Uscire dalla “riforma continua” significa uscire dall’eternità dell’emergenza. Tre cose che farei? Vorrei adeguare i salari dei docenti a quelli europei, a partire dai maestri. Poi vorrei investire nella formazione, vorrei degli insegnanti che esercitino la funzione maieutica dei tutor e riescano a orientare i ragazzi. Infine l’Italia ha bisogno che tutti gli istituti professionali escano dalla Serie B. E ne aggiungo un’altra: eliminare le classi pollaio, anche sfruttando la disgrazia della denatalità. Mi impegno a non diminuire l’organico dei docenti e di tutto il personale”.

Azzolina a cuore aperto: “Non sono femminista militante e non credo in Dio, ma amo Papa Francesco. Che belli i classici russi”

Stampa

Black Friday Eurosofia, un’ampia e varia scelta di corsi d’aggiornamento pratici e di qualità con sconti imperdibili