Azzolina scrive agli studenti: “Lasciarvi a casa è una sconfitta. Riapriremo le scuole”

Stampa

“Lasciarvi a casa è una sconfitta, cari ragazzi, riapriremo le scuole”. Questo è quanto scrive la ministra per l’Istruzione Lucia Azzolina in una lettera aperta agli studenti pubblicata dalla Stampa.

Azzolina dice: “Non dovete essere voi a pagare il prezzo più alto di questa emergenza. Le scuole sono un ambiente controllato, ci sono regole severe che vengono rispettate con attenzione anche grazie agli studenti. Le scuole devono stare aperte. Una loro chiusura prolungata rischia di impattare negativamente e a lungo termine sulla formazione, sulla capacita’ di apprendimento, sui livelli di istruzione. Sull’emotività dei ragazzi”.

Perché, aggiunge Azzolina, “a scuola, e non è retorica, si costruisce il futuro, un futuro che cammina sulle vostre gambe”. 

“Se alla vostra età mi avessero detto ‘Lucia, da domani non si va più a scuola, si studia da casa’, l’avrei presa male. Probabilmente anche  io avrei scritto al Ministro dell’Istruzione. E per questo sento il  dovere di rispondervi direttamente. Viviamo giorni in cui servono pazienza e responsabilità: siamo dentro una pandemia che è tornata a colpirci con forza. Ma dobbiamo fare delle scelte, come comunità”. 

E ancora: “Ho avuto un confronto pochi  giorni fa con il Comitato tecnico scientifico per l’emergenza. Non posso che condividere le parole che mi sono sentita ripetere: ‘Le scuole sono un ambiente controllato, ci sono regole severe che vengono rispettate con attenzione anche grazie agli studenti. Le scuole devono stare aperte. Una loro chiusura prolungata rischia di impattare negativamente e a lungo termine sulla formazione, sulla capacità di apprendimento, sui livelli di istruzione. Sull’emotività dei ragazzi'”, conclude.

Stampa

Come fare educazione civica Digitale: dagli ambienti digitali alle fake news, dal Sexting alla netiquette. Corso con iscrizione e fruizione gratuite