Azzolina: riaprire le scuole a gennaio. De Luca, “Ho i miei dubbi, lavoriamo su trasporti”

Stampa

“Sarà un Natale diverso ma dobbiamo essere ancora di più responsabili: abbiamo un dovere come paese, riaprire le scuole superiori.

Più saremo responsabili e cauti durante le vacanze, più quell’obiettivo sarà realizzabile. Invito tutti ad abbracciare il mondo della scuola e a proteggere la nostra scuola essendo responsabili”.

Lo ha detto la ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina in occasione dell’evento il Natale digitale del Ministero.

“Il Natale lo trascorrerò con la persona che amo più al mondo, mia sorella, ma potremo fare videochiamate ai nostri parenti e sono sicura che presto potremo tornare ad abbracciarci”, ha aggiunto la ministra.

“C’è un grande lavoro per tornare il 7 gennaio con la didattica in presenza. Abbiamo organizzato dei tavoli con i prefetti per cercare di incrociare, rispetto alle realtà locali, i dati dei trasporti e degli orari di entrata e uscita per evitare degli orari di punta”, ha affermato il premier Giuseppe Conte ieri ad Accordi&Disaccordi.

Il Governo si prepara intanto a definire un’ulteriore stretta per il periodo natalizio.

Italia zona rossa: ecco le possibili date dei blocchi

De Luca: lavoriamo su trasporti

In Campania sono stati consegnati 259 nuovi bus alle aziende anche in vista della riapertura delle scuole. “Queste nuove forniture di bus saranno un aiuto importantissimo per consentire di avere anche un trasporto scolastico meno affollato. Se riprenderà l’anno scolastico come si prevede, cosa per la quale io ho i miei dubbi, ma decideremo a inizio gennaio”, ha commentato il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca.

“Comunque con questi nuovi bus – ha continuato- ci prepariamo a dare mano per la riapertura dell’anno scolastico, perché se non ci sono i mezzi, i trasporti saranno sempre sovraffollati”.

Stampa

Didattica inclusiva attraverso alcune figure del mito greco. Corso online riconosciuto dal Ministero dell’istruzione