Azzolina (M5S): sì alla formazione digitale, seguiamo esempio USA

di redazione
ipsef

item-thumbnail

“I ragazzi di oggi sono i futuri cittadini del mondo digitale, per questo è importante che la scuola si adegui ai tempi e prepari gli studenti a vivere in una realtà sempre più complessa, in cui la rete e l’informatica offrono sì grandi opportunità, ma nascondono anche rischi e insidie”.

Così Lucia Azzolina, deputata del MoVimento 5 Stelle in commissione Cultura, intervenuta oggi in Aula durante la discussione generale della mozione per impegnare il Governo su iniziative per lo sviluppo della formazione tecnologica e digitale nelle scuole.

“E’ fondamentale che già nei primi anni di scuola, seguendo l’esempio statunitense, si introduca l’educazione al pensiero computazionale e alla creatività digitale, in modo da rafforzare nei giovani studenti la capacità di analisi e di risoluzione dei problemi anche attraverso l’uso della tecnologia. Quest’attività”, prosegue Azzolina, “deve andare di pari passo con l’educazione alla cittadinanza digitale e con un’informazione sull’uso consapevole dei media e di internet per contrastare la diffusione del cyber-bullismo e delle discriminazioni”.

“Abbiamo chiesto al Governo di impegnarsi in questo senso, consapevoli, comunque, che la preparazione digitale dei nostri ragazzi non può prescindere da un ambiente scolastico vivibile dove, quindi, non ci sia sovraffollamento. Anche su questo fronte siamo al lavoro con una proposta di legge per eliminare una volta per tutte le cosiddette ‘classi pollaio”, conclude la portavoce del MoVimento 5 Stelle.

Versione stampabile
Argomenti:
anief banner
soloformazione