Azzolina (M5S) ai precari: art. 22 Contratto di Governo era solo per concorso straordinario infanzia e primaria

di redazione
ipsef

item-thumbnail

I precari di terza fascia, con più di 36 mesi di servizio, continuano a chiedere di poter avere accesso ad un reclutamento con concorso riservato. 

Dopo l’intervento dell’On. Granato, interviene adesso l’On. Azzolina (M5S) che spiega le ragioni di un concorso ordinario per tutti. Concorso scuola secondaria, Azzolina (M5S): sarà selettivo per tutti, tanti i posti, no a false speranze

Art. 22 del Contratto di Governo

Nel suo intervento l’On. Azzolina fornisce inoltre un chiarimento sull’art. 22 del Contratto di Governo, che ha previsto

Sarà necessario assicurare, pertanto, anche attraverso una fase transitoria, una revisione del sistema di reclutamento dei docenti, per garantire da un lato il superamento  delle criticità che in questi anni hanno condotto ad un cronico precariato e dall’altro un efficace sistema di formazione

La fase transitoria – dicono i precari – è dunque scritta nero su bianco e promessa dall’attuale Governo.

L’On. pentastellata ha voluto spiegare perché è sbagliato fare riferimento all’art. 22 del Contratto di Governo per la richiesta di una procedura concorsuale riservata, non selettiva.

Quest’ultima – dice la Azzolina – era già stata prevista dal Decreto Legislativo n. 59/2017 solo per i docenti abilitati della secondaria. Il Governo, attraverso il Decreto Dignità dell’agosto 2018 ha esteso la procedura concorsuale straordinaria anche ai docenti di infanzia e primaria.

In questo modo è stato tenuto fede all’art. 22 del Contratto, dando pari condizioni a tutti, prima di inaugurare la stagione dei concorsi ordinari. 

L’art. 22 –  ribadisce l’on. Azzolina – era rivolto solo ai docenti di infanzia e primaria.

Versione stampabile
Argomenti:
anief banner
soloformazione