Azzolina: la scuola serve ad includere, non a discriminare. Per me è stata ascensore sociale

Stampa

Lucia Azzolina, ministro dell’istruzione, al Tg3: “La scuola serve ad includere e non a discriminare. Per me la scuola è stato questo: un ascensore sociale”.

Le linee guida del ministero dell’istruzione non parlano di classi sociali, parlano semmai di inclusione. E’ evidente che la scuola ha commesso un errore e ha provato a rimediare. Spero non accada mai più” ha detto la ministra, riferendosi al caso della scuola romana, al centro del dibattito negli ultimi giorni per la frase di presentazione.

Non abbiamo scuole di serie A e scuole di serie B, non ci sono modelli del genere – ha proseguito Azzolina -. Noi miriamo a eliminare ogni forma di discriminazione. La scuola serve a includere e non a discriminare, noi vogliamo che ogni studente abbia un successo formativo”.

Per me la scuola è stato un ascensore sociale, il modo per elevarmi dal punto di vista sociale. Io credo in questa forza della scuola. Credo nell’articolo 34 della Costituzione: una scuola aperta a tutti, una scuola che permetta a tutti i più alti gradi degli studi” ha concluso la ministra.

Stampa

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia