Azzolina: la scuola non era pronta alla didattica a distanza, ma siamo riusciti a salvare l’anno scolastico

Stampa

L’Italia “deve imparare a lavorare non sull’Emergenza, ma sulla Prevenzione”. A sottolinearlo il ministro dell’Istruzione, Lucia Azzolina, intervenendo al dibattito sulle migliori pratiche organizzato da Re Mind Filiera Immobiliare.

“Nonostante le mille difficoltà e incertezze di questo momento di crisi, siamo riusciti – ha evidenziato – a salvare l’anno scolastico. La scuola non era pronta alla didattica a distanza, eppure, noi, come Ministero dell’Istruzione, abbiamo messo in campo le migliori pratiche per venire incontro ai nostri studenti e ai nostri insegnanti.

Stiamo continuando a lavorare sugli spazi, sugli ambienti interni degli edifici scolastici, nell’ottica di un loro efficientamento; e in questa attività la collaborazione con Re Mind Filiera Immobiliare ci porterà a conoscere e ad applicare le migliori pratiche presenti a livello internazionale e italiano. Inoltre, sono d’accordo con Paolo Crisafi sull’importanza dell’educazione civica come insegnamento nelle scuole, e che tale disciplina potrà aprirsi anche all’educazione all’affettività nei rapporti famigliari e sociali”.

Stampa

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia