Azzolina: “La misura della temperatura degli studenti viene fatta a casa, così le famiglie si responsabilizzano”

La ministra dell’Istruzione, Lucia Azzolina, ha parlato a Tv2000, la televisione della Conferenza Episcopale Italiana in merito alla riapertura delle scuole e alle misure che saranno introdotte da settembre.

La misura della temperatura corporea degli studenti “viene fatta a casa”, intendendo così “responsabilizzare” ancora di più le famiglie.

Tutti gli studenti, indistintamente, torneranno a scuola il 14 settembre, ha ribadito il ministro, e si sta lavorando perché questo avvenga in piena sicurezza.

Dal primo settembre le porte dei plessi si riapriranno già per quanti dovranno recuperare i debiti scolastici.

E ancora: “Non vogliamo smembrare le classi” e alla riapertura della scuola a settembre “ci sarà spazio per tutti, lavoriamo per adeguare spazi che già ci sono guardiamo anche a edifico scolastici dismessi, ma la scuola si può fare anche in altri luoghi di cultura, nei cinema, nei teatri  nei musei. Gli arredi aiuteranno tanto: i banchi singoli ci permetteranno di riacquistare spazio rispetto a banchi doppi a cui siamo abituati, grandi e vetusti”, ha detto.

Ritorno in classe: mascherine, distanziamento e medico scolastico. Il Cts risponde. SCARICA PDF

Nel frattempo è partita la gara per i test sierologici al personale scolastico. E a breve partirà anche la gara per i banchi monoposto. Così come ha detto la stessa ministra Azzolina.

Martedì 14 luglio si è riunito un tavolo tecnico con i ministeri di Sanità, Istruzione, Affari regionali, Regioni, Comuni e l’ufficio del Commissario Domenico Arcuri per accelerare il censimento del personale della scuola da sottoporre al test sierologico e organizzare tempi e modi dello screening prima dell’inizio dell’anno scolastico.

Leggi anche

Azzolina: “Non ci saranno più classi pollaio con più di 30 studenti. Se necessario, lezioni in teatri e cinema”

Azzolina: “Didattica a distanza esempio positivo di smart working. A distanza anche collegio docenti e colloqui scuola-famiglia”

Segui il nuovo ciclo formativo Eurosofia: “Educazione civica, cittadinanza attiva e cultura della sostenibilità a scuola”