Azzolina: “La mafia non si sconfigge solo nei tribunali, ma anche a scuola”

Stampa

Affrontare le sfide imposte dalla pandemia utilizzando internet come risorsa per continuare a contrastare le mafie divenute sempre più globali: è l’appello corale lanciato dai relatori della prima conferenza del 15mo progetto educativo antimafia promosso dal centro studi Pio La Torre e seguito in diretta streaming sul sito dell’associazione e sul portale “Ansa Legalità& Scuola” da oltre 100 scuole, tra cui 12 case circondariali da Nord a Sud Italia.

In apertura i saluti agli studenti della ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina, che si è detta “fiera di far parte di una collettività che vuol porre fine a un fenomeno che da troppo tempo ferisce brutalmente il nostro Paese. Gesualdo Bufalino, scrittore e insegnante, ha detto che la mafia sarà vinta da un esercito di maestre elementari e in queste parole io credo fermamente. La mafia, infatti, non si sconfigge solo nei tribunali o nelle procure, ma anche tra i banchi di scuola. Le organizzazioni criminali, la camorra, la ‘Ndrangheta, la Sacra corona unita hanno un comune denominatore – ha aggiunto la ministra – hanno paura di chi conosce, impara, ha sete di migliorarsi, di chi vuole esplorare, perchè questi criminali si insinuano tra le pieghe dell’ignoranza, del timore reverenziale, dell’inettitudine, si fanno forza della debolezza altrui e ottengono rispetto con la violenza. Anche loro però sono deboli davanti a chi attraverso i libri e il sapere sa cosa sono i diritti, davanti a chi non si piega, davanti a chi sa cosa sia legalità, ma anche davanti a chi conosce la bellezza, la poesia, l’arte, la musica. La mafia perde tutta la sua forza davanti a chi, come la scuola, ti insegna ad alzare la testa” .

Poi aggiunge: “Il vostro progetto educativo antimafia è uno dei modi migliori per educare le nostre ragazze e i nostri ragazzi a combattere questo fenomeno, il vostro modo di pensare è e deve essere esemplare per tutti. Con la videoconferenza e i temi affrontati potrete fare la differenza. Dobbiamo rivelare la natura tossica della mafia, letale per il tessuto sociale e per l’anima di queste terre. Lo possiamo fare con l’educazione civica, con la conoscenza della nostra Costituzione e dei principi universali che tutelano i diritti di ogni uomo e di ogni donna, solo così potremo forgiare cittadini liberi, critici, e pronti a dire di no a tutte le mafie”.

Stampa

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia