Azzolina: “Decisivo e indispensabile cambiare, trasformarsi sempre. Renderemo le scuole più aperte e innovative”

Stampa

“Non c’è nulla di immutabile, tranne l’esigenza di cambiare”. Inizia con una citazione di Eraclito, in un messaggio video del ministro dell’Istruzione, Lucia Azzolina, la 25esima edizione del Salone Orientamenti di Genova, quest’anno esclusivamente in versione virtuale e dedicata al tema del “saper cambiare”.

Già 40.000 le persone che si sono pre-iscritte a seminari ed eventi sulla piattaforma www.saloneorientamenti.it, dove da oggi a giovedì saranno organizzati oltre 300 webinar, un fitto programma di incontri ed eventi e la possibilità di dialogare digitalmente con oltre 250 scuole, enti o aziende.

“E’ decisivo e indispensabile cambiare, innovarsi, trasformarsi sempre: dobbiamo farlo anche nella scuola – sottolinea Azzolina e lo abbiamo sperimentato in questi mesi in cui siamo stati tutti impegnati a fronteggiare un’emergenza che ci ha chiamato a nuove sfide. Continueremo a lavorare in questa direzione anche quando la pandemia sarà finita, per rendere le scuole italiane più aperte, accessibili, innovative e attente all’ambiente”.

Per il ministro, “orientarsi vuol dire non perdere la rotta, avere dei punti fermi. E i giovani hanno un estremo bisogno di punti fermi e dobbiamo essere noi a darglieli”.

Stampa

Eurosofia organizza la III edizione di [email protected] Aiutiamo i giovani a progettare il loro futuro in modo consapevole