Azzolina bocciata, Conte promosso: gli studenti danno le pagelle di fine anno

Stampa

Skuola.net ha chiesto a 5mila ragazzi come giudicano i personaggi e i simboli, soprattutto quelli più vicini al loro mondo, che hanno caratterizzato l’anno della pandemia.

 

Le pagelle le danno anche gli studenti. Specie alla fine di quest’anno unico che è il 2020

A quanto pare, solo il presidente del Consiglio Giuseppe Conte può sorridere, mentre invece Lucia Azzolina sembra essere proprio bocciata.

Indubbiamente il mondo della politica è stato il pilastro su cui ha poggiato tutta la strategia anti-Covid, dice il comunicato stampa di Skuola.ne: al Governo è stato chiesto di prendere le decisioni più importanti e, spesso, dolorose. L’unico promosso dai ragazzi è Giuseppe Conte. Il presidente del Consiglio, infatti, viene apprezzato da oltre 1 giovane su 2 (a ‘bocciarlo’ appena il 18% del campione, ‘da rimandare’ per il 29%).

Brutte notizie invece per i due ministri da cui dipendeva la sorte degli studenti: la ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina e il ministro dell’Università Gaetano Manfredi sono entrambi bocciati dalle rispettive platee (alunni di medie e superiori da un lato, universitari dall’altro): la prima con il 76% dei voti contrari, il secondo con il 63%. D’altronde era anche molto improbabili aspettarsi il contrario: chi è stato studente difficilmente ricorda inquilini di Viale Trastevere popolari. La stessa sorte, però, tocca a tutta la politica: anche l’operato dell’opposizione è bocciato, più precisamente dal 60%.

Sanitari

I veri ‘primi della classe’, per i giovani, sono loro: i sanitari, in prima linea nel fronteggiare la pandemia. Per medici, infermieri e personale di supporto un vero plebiscito: 9 su 10 li promuovono a pieni voti. Buono il riscontro anche per gli ormai famosi virologi: qualcuno li ha accusati di badare più alle apparizioni in Tv e sui giornali ma il 56% dei ragazzi ha comunque apprezzato il loro ruolo e li ‘promuove’ (il 27% li rimanda, solo il 18% li boccia). Meno consensi, invece, per chi l’emergenza l’ha raccontata in tutte le sue forme: i giornalisti. Il mondo dell’informazione divide: il 37% lo ‘promuove’, mentre il 30% lo ‘boccia’ e il 33% lo ‘rimanda’. Avrà pesato l’enorme quantità di notizie sul virus che a ogni ora del giorno ancora oggi riempiono i palinsesti?

Regole e divieti
Un anno, quello dominato dal Covid, che è stato monopolizzato da regole e divieti. Parole come assembramento, mascherina, distanziamento, lockdown sono entrate nel nostro vocabolario quotidiano. Ciò è valso anche per la scuola. Con gli studenti, solitamente poco inclini al rispetto di imposizioni calate dall’alto, che per una volta sembrano essersi resi conto dell’importanza di queste norme cosicché promuovono pure loro, seppur di poco: è così per il 52% (1 su 5 le boccia, il 28% le rivedrebbe). Promossi anche chi queste regole ha dovuto farle rispettare: le forze dell’ordine. Militari, poliziotti e le ‘divise’ in generale vengono applauditi dal 58% (il 25% li rimanda, il 17% li boccia).

Scuola (anche con la “k”), università e famiglia

Inevitabile, infine, un approfondimento sul mondo dell’istruzione. La routine degli studenti è stata stravolta e nelle loro vite ha fatto la comparsa la didattica a distanza.

Insegnanti, presidi e loro stessi si sono dovuti rimboccare le maniche per andare avanti con programmi, verifiche ed esami. Ma gli sforzi fatti da tutti non bastano per portare alla promozione piena il 2020 della scuola e dell’università: solo il 37% dà un giudizio positivo, una quota simile (35%) lo boccia, per il 28% è da ‘rivedere’. Molto più apprezzato, semmai, il lavoro di chi ha cercato di supportarli dall’esterno. Come i genitori: la chiusura forzata in casa ha fatto riscoprire ai ragazzi l’importanza della famiglia, in condizioni normali poco ‘frequentata’; una risorsa che, dopo una valutazione così approfondita (specie durante il lockdown), viene promossa da oltre 3 su 4.

 

 

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur