Azzolina: “Arriva il Pei digitalizzato, enorme novità. Si aspettava da anni”

Stampa

La ministra dell’Istruzione, Lucia Azzolina, durante l’intervista all’Huffington Post, ha parlato anche di didattica e di sostegno annunciato una grande novità in arrivo.

“Abbiamo creato un modello unico  nazionale, il Pei digitalizzato (Piano educativo  individualizzato,ndr). Una innovazione enorme che aiuterà la vita  degli studenti disabili: potranno accedervi neuropsichiatri, i  docenti, le famiglie. Si aspettava da anni”.

Che cos’è il PEI

Acronimo di Piano Educativo Individualizzato, il PEI viene redatto anno dopo anno e contiene l’indicazione dettagliata degli interventi educativi e degli interventi didattici, degli obiettivi prefissati per l’alunno e, infine, i criteri di valutazione del percorso didattico.

La sua composizione coinvolge tutti i soggetti che, a diverso titolo, sono coinvolti nella crescita e nell’educazione del ragazzo destinatario del piano. Nello specifico, prendono parte alla stesura:

  • docenti della classe in cui si trova lo studente;
  • l’insegnante di sostegno;
  • le figure socio-sanitarie che seguono il ragazzo;
  • la famiglia.

Il piano è organizzato in due macroaree. La prima parte è dedicata all’analisi della situazione di partenza.  Nella seconda parte si passa alle informazioni più operative di dettaglio e si fissano gli obiettivi educativi.

Il PEI è naturalmente obbligatorio per tutti gli alunni con disabilità in base alla L. 104/92 e al DPR 24/2/94 ed è compilato congiuntamente (responsabilità che è necessariamente condivisa per tutte le sue fasi) dalla Scuola e dai Servizi socio-sanitari che hanno in carico l’alunno.

Le azioni che vengono indicate nel PEI devono essere connessi alle indicazioni in precedenza dettagliate nella Certificazione, nella Diagnosi Funzionale e nel Profilo Dinamico Funzionale.

La famiglia ha un ruolo determinante e insostituibile nella redazione del PEI, collaborando con la scuola ai sensi e per gli effetti del DPR 24/2/94. Norma che di fatto definisce, in maniera dettagliata, i contenuti del PEI solo negli obiettivi generali.

Un’eventuale articolazione dettagliata può essere eventualmente pattuita a livello locale, di solito ciò avviene, quando avviene, negli Accordi di programma.

La scelta di modelli o di eventuali e necessari diversificati strumenti per la compilazione del PEI è affidata ai due soggetti (l’istituzione scolastica e i Servizi) che possiedono congiuntamente la responsabilità della sua redazione. Si definiscono a livello territoriale negli Accordi di programma.

Stampa

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia