Avvocati dello Stato a difesa degli insegnanti. Gli studenti non ci stanno: “Non siamo una massa criminale fuori controllo”

WhatsApp
Telegram

Lo scorso 8 febbraio il ministro dell’Istruzione e del Merito, Giuseppe Valditara, ha emanato una circolare in cui si invitano i dirigenti scolastici a segnalare tempestivamente al competente Ufficio scolastico regionale episodi di violenza ai danni del personale scolastico all’interno delle scuole.

Nel caso di un episodio di violenza verbale o fisica di rilevanza penale o civile il preside compila una segnalazione e la invia all’USR. L’ufficio valuta la segnalazione e la invia a sua volta al Ministero che, laddove ci siano gli estremi, richiederà l’assistenza dell’Avvocatura dello Stato.

Sia i sindacati dei presidi che quelli degli insegnanti plaudono all’iniziativa. Genitori e studenti, invece, perplessi. Al Secolo XIX interviene Francesco Devoti, rappresentante della Rete degli studenti medi: “Nulla da eccepire al fatto che i lavoratori della scuola abbiano il diritto di essere protetti e difesi, come tutti i lavoratori in ogni contesto. Ma non condividiamo il linguaggio utilizzato nella circolare dalla quale sembra che gli studenti italiani siano una massa criminale fuori controllo. Né comprendiamo come, in una circolare ministeriale ufficiale che ha una sua forza normativa, si affermi che questo fenomeno Ë allarmante e in aumento: non ci risultano dati in merito”.

CIRCOLARE [PDF]

Leggi anche

Violenza su docenti e Ata, lo Stato li difenderà in sede civile e penale. Valditara: “Priorità è riportare serenità e rispetto nelle scuole”. CIRCOLARE [PDF]

Docente colpita da pallini, l’avvocato: “Siamo contenti che saremo difesi dall’Avvocatura dello Stato”

WhatsApp
Telegram

Abilitazione all’insegnamento 30 CFU. Corsi Abilitanti online attivi! Università Dante Alighieri