Avviso di notifica ex art. 150 c.p.c

di redazione
ipsef

Maria Teresa FRENDA, con gli Avv.ti Giuseppe Limblici e Francesca Palumbo, ha proposto ricorso al Tribunale di Milano – Sezione Lavoro, iscritto con numero di ruolo 3776/2018, contro il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, e con controinteressati “tutti i docenti che potrebbero a qualunque titolo, anche giudiziario, ambire ad una delle posizioni richieste dalla ricorrente in Sicilia, partecipanti alla mobilità 2016/17”.
Il giudizio ha ad oggetto la declaratoria del diritto della ricorrente ad essere assegnata, a far data dall’a.s. 2016/2017, su sede definitiva, scuola primaria, posto comune ovvero lingua inglese, in uno degli ambiti indicati prioritariamente in domanda, vale a dire Sicilia Ambito 0003; 0001; 0002, o nell’ambito 0011, provincia di Enna o in subordine in uno degli ambiti della regione Sicilia tenuto conto dell’ordine delle preferenze espresse e del punteggio; previo annullamento e/o disapplicazione del provvedimento del MIUR, comunicato a mezzo email in data 29 luglio 2016, con il quale è stata assegnata su sede definitiva nella provincia di Milano, della conseguente assegnazione di scuola comunicata via mail in data 24 agosto 2016; del provvedimento del Direttore Generale dell’USR Sicilia a mezzo del quale sono stati disposti i movimenti territoriali negli ambiti siciliani del personale docente per la scuola primaria per l’a.s. 2016/2017, nella parte in cui non comprende il nominativo della ricorrente, nonché dell’O.M. 241/16 nella parte di interesse.
Nel ricorso si denunciano i vizi delle operazioni di mobilità in considerazione della palese violazione delle disposizioni generali vigenti nel settore in tema di trasferimenti.
Si rileva l’erroneità della procedura di mobilità per mancato rispetto dell’ordine delle fasi di partecipazione; si evidenzia, altresì, l’illegittimità del CCNI e dell’ordinanza ministeriale n. 241/2016 sulla mobilità che, di fatto, hanno stravolto e capovolto l’assetto normativo preesistente in materia di trasferimento nelle scuole pubbliche di ogni ordine e grado, sostituendo il criterio delle precedenze, del punteggio e dei titoli posseduti con quello dell’originaria provenienza del docente, in danno di posizioni giuridiche soggettive tutelate dalla Legge.
La notifica è stata autorizzata dal Presidente del Tribunale di Milano – Sezione Lavoro con provvedimento depositato in data 28.05.2018

Sul sito istituzionale del MIUR, sul sito istituzionale del Tribunale di Milano, all’Albo della Casa Comunale di Milano e sui siti di consultazione diffusa nel settore della scuola (www.orizzontescuola.it e www.tecnicadellascuola.it), sono riportati, oltre ai suddetti dati sintetici, il ricorso nel testo integrale, le memorie di costituzione e i verbali di causa, fino alla data utile per la costituzione in giudizio e alla data della prossima udienza, fissata per il giorno 06.07.2018, ore 10.15, dinanzi al Giudice Dott.ssa Moglia.
Documenti allegati:
ricorso
procura
decreto di fiss udienza
autorizzazione del Presidente del Tribunale

Favara, 28 maggio 2018
Avv. Giuseppe Limblici
Avv. Francesca Palumbo

Scarica documenti

Versione stampabile
anief
soloformazione