Avvio anno scolastico, Anief: non sarà rispettata nemmeno la data del 15 settembre

Stampa

Anief – Come richiesto da tempo dall’Anief, anche per il prossimo anno scolastico la collocazione di docenti, educatori e personale Ata siattuerà non sugli ambiti territoriali, introdotti dalla Legge 107/2025 e come avrebbe voluto il Miur, ma con le procedure classiche. Ad una buona notizia nesegue subito una negativa: le operazioni dei trasferimenti si concluderanno, salvo ulteriori slittamenti, solo il prossimo 13 agosto, ovvero quando saranno resi pubblici i risultati delle domande formulate dai docenti delle superiori. 

Anief – Come richiesto da tempo dall’Anief, anche per il prossimo anno scolastico la collocazione di docenti, educatori e personale Ata siattuerà non sugli ambiti territoriali, introdotti dalla Legge 107/2025 e come avrebbe voluto il Miur, ma con le procedure classiche. Ad una buona notizia nesegue subito una negativa: le operazioni dei trasferimenti si concluderanno, salvo ulteriori slittamenti, solo il prossimo 13 agosto, ovvero quando saranno resi pubblici i risultati delle domande formulate dai docenti delle superiori. 

Marcello Pacifico (Anief-Cisal): questo significa che le lezioni del prossimo anno scolastico prenderanno il via senza che siano state ancora effettuate le assunzioni, né assegnate le supplenze annuali. Solo queste ultime, quest’anno, sono state oltre 115mila. Il Miur ha provato aspostare il tutto al 15 settembre 2016, ma possiamo dire sin d’ora che nemmeno questa data verrà rispettata per assegnare le tante cattedre prive di titolare.Perché ci sarà pure da gestire la fumosa chiamata diretta. A rimetterci saranno prima di tutto gli studenti. Ma anche tanti precari, che si vedranno negare,dopo luglio e agosto, anche ulteriori periodi di supplenza.

I sindacati rappresentativi hanno stamane sottoscritto l’accordo sulle utilizzazioni e sulle assegnazioni provvisorie, anche per ineoassunti, del personale docente, educativo e Ata del 2016/2017: come richiesto da tempo dall’Anief, anche per il prossimo anno scolastico, lacollocazione dei lavoratori si attuerà non sugli ambiti territoriali, introdotti dalla Legge 107/2025 e come avrebbe voluto il Miur, ma con le procedure classiche, quindi direttamente su scuola,distretti o province.

Preso atto di questo importante risultato, il sindacato si duole del fatto che il Ministero dell’Istruzione ha spostatoulteriormente in avanti le date di pubblicazione dei tanti trasferimenti che si devono ancora compiere: le operazioni si concluderanno, salvo ulteriorislittamenti, solo il prossimo 13 agosto, ovvero quando saranno resi pubblici i risultati delle domande formulate dai docenti della scuola secondaria di secondo grado.

“Questo significa che utilizzazioni e assegnazioni provvisorie si svolgeranno solo tra la fine di agosto e la primadecade di settembre – commenta Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief e segretario confederale Cisal – . Quindi le lezioni del prossimo anno scolasticoprenderanno il via senza che siano state ancora effettuate le immissioni in ruolo, né tantomeno assegnate le supplenze annuali. Solo queste ultime,nell’anno in corso sono state oltre 115mila. Il Ministero dell’Istruzione sapeva tutto questo, era cosciente delle lungaggini: tantoè vero che attraverso il decreto scuola, approvato a maggio, ha posticipato il termine delle operazioni dal 31 agosto al 15 settembre 2016”.

“Possiamo dire sin d’ora, con certezza, che nemmeno questa data verrà rispettata per assegnare le tante cattedre prive di titolare.Non dimentichiamo che da settembre 2016 entreranno in scena anche le assegnazioni dei docenti tramite la famigerata chiamata diretta, la cuiattuazione rimane, ad oggi, a dir poco fumosa. A rimetterci – continua Pacifico – saranno prima di tutto gli studenti, a cui verrà conferito tutto il proprio corpodocente con diverse settimane, forse mesi, di ritardo. Ma anche tanti docenti precari, che si vedranno negare, dopo luglio e agosto, anche ulteriori periodidi supplenza. E di stipendi”.

Stampa

Acquisisci 6 punti con il corso Clil + B2 d’inglese. Contatta Eurosofia per una consulenza personalizzata