Autorizzati i progetti dell’Avviso 20480 PON per la realizzazione di reti locali – Webinar per conoscere le soluzioni

WhatsApp
Telegram

A seguito dell’approvazione delle graduatorie dell’Avviso 20480 PON (Decr. 233 del 14/10/21 del Direttore della Direzione Generale per i Fondi strutturali per l’Istruzione, l’edilizia scolastica e la scuola digitale) le Istituzioni scolastiche sono autorizzate a procedere con la realizzazione di quelle reti diventate ormai un requisito fondamentale per supportare tanto la didattica che i processi amministrativi. Questo articolo discute i criteri per la progettazione e la realizzazione di una rete Wi-Fi e/o cablata, idonea a supportare la scuola in ogni attività.

La rete nelle scuole per la didattica

La recente situazione di emergenza ha imposto l’utilizzo di piattaforme per la didattica digitale e i dispositivi collegati in rete sono diventati strumenti necessari per lo svolgimento delle lezioni, anche in classe, diventando una presenza abituale sui banchi di scuola. Per questo le funzioni della rete nelle scuole sono mutate in modo radicale. Se nel recente passato era sufficiente collegare una LIM per aula, oggi è frequente il caso che gli alunni debbano utilizzare la rete e così i dispositivi da collegare possono diventare anche 30 per aula.

Nel momento in cui le attività didattiche basate sulla rete vengono svolte a scuola, e non più a distanza con gli alunni nelle proprie abitazioni, diventa critico l’impatto dei dispositivi collegati all’infrastruttura di rete della scuola e tramite essa alla banda Internet. Non solo per l’intensità delle attività di rete, spesso multimediali, quanto soprattutto per il numero di utenti collegati: quanti uffici nella vostra città hanno un numero di impiegati paragonabile a quello degli alunni di una scuola superiore di medie dimensioni? Ciò che nessuno vuole che accada è che questo impatto risulti un freno o addirittura un ostacolo allo svolgimento delle attività didattiche.

Le due componenti del sistema di connettività: la banda Internet e la rete locale

La banda Internet è in qualche modo un elemento fuori dal controllo e dalla responsabilità della scuola, che potrà solo dotarsi del miglior collegamento disponibile nella sua zona, magari in banda ultra-larga, nell’ambito del “Piano Scuole Connesse” di Infratel (Ministero dello Sviluppo economico). Ma l’efficienza della rete interna, quella sì, è affidata alla scuola che cercherà di dotarsi di una infrastruttura solida e affidabile, con un Wi-Fi capillare e performante, magari predisponendo servizi e piattaforme in cloud locale, cioè all’interno della scuola, che aiuteranno a decongestionare il collegamento a Internet.

Caratteristiche di una rete Wi-Fi solida ed affidabile

Molti sono gli aspetti che vanno curati nella progettazione e nella realizzazione di una rete Wi-Fi e/o cablata idonea a supportare l’attività didattica. Facciamo cenno ad alcuni di essi, rimandando gli approfondimenti al webinar richiamato in fondo all’articolo.

Una delle prime considerazioni da tener presente è che praticamente tutte le scuole hanno già investito sulla rete interna. Spesso è già stato realizzato un cablaggio, o la copertura Wi-Fi “base” (quanti dispositivi contemporanei potrà sostenere?) di una o più zone: si tratta di investimenti che possono essere recuperati e utilizzati per ridurre così al minimo ogni ulteriore passaggio di cavi, i relativi costi e il disagio che “scale e trapani” inevitabilmente recano.

Un’altra circostanza da valorizzare è che la scuola a volte dispone di più collegamenti a Internet. Con la loro gestione integrata è possibile creare quella ridondanza che evita interruzioni quando uno dei collegamenti dà problemi e soprattutto è possibile accrescere la velocità di accesso sommando dinamicamente le bande disponibili. E ci sono circostanze, come le prove INVALSI, in cui difficoltà nei collegamenti a Internet risultano davvero impattanti.

Altro elemento cruciale è la scelta dei componenti della rete, che devono garantire prestazioni professionali ma a costi accessibili.

Eppoi finalmente nell’Avviso 20480 del Ministero dell’Istruzione per la realizzazione di reti locali sia cablate che wireless, la sicurezza informatica riceve l’attenzione necessaria, che raramente le scuole le hanno dedicato fino a oggi.

Per questo l’Avviso prevede l’adozione di dispositivi di autenticazione degli utenti (personale scolastico e studenti) e per la sicurezza delle reti, le cui funzioni vanno comprese e utilizzate. Nell’utilizzare i servizi di una piattaforma online siamo tutti abituati a inserire le nostre “credenziali” (username e password). Ma a ben riflettere, fra i servizi predisposti dalla scuola va incluso il collegamento alla rete Wi-Fi e ad Internet. Talvolta può essere opportuno per semplificare le attività dell’utente che le sue credenziali coincidano con quelle della piattaforma di didattica online, o del registro elettronico, o della mail ministeriale. Allargando la prospettiva, sono molti gli elementi relativi alla sicurezza informatica che vanno introdotti nel progetto: dalla protezione perimetrale (firewall), ai certificati SSL per la gestione di protocolli sicuri, alla predisposizione di specifiche funzioni per lo smart working.

AFA Systems, azienda italiana specializzata nella progettazione e realizzazione di reti complesse, ha studiato una soluzione tecnica che consente di realizzare una rete performante per coprire ogni ambiente.

Gli obiettivi funzionali del progetto sono:

  • la realizzazione di una rete Wi-Fi e cablata gigabit adeguata alla distribuzione nella scuola della connettività in banda ultra-larga secondo il “Piano Scuole Connesse” di Infratel (Ministero dello Sviluppo economico);
  • la disponibilità di un access point e un punto rete in ogni aula e in ogni altro ambiente didattico o amministrativo;
  • l’ottimizzazione degli investimenti già fatti, riutilizzando i cablaggi esistenti e riducendo al minimo tanto i nuovi cablaggi quanto le corrispondenti opere d’elettricista.

I sistemi e gli apparati previsti in progetto sono stati selezionati pensando alle scuole:

  • gli switch e gli access point di tipo professionale con caratteristiche e prestazioni elevate;
  • gli access point sono dual-band e supportano i protocolli Wi-Fi 6 – 802.11ac e precedenti;
  • i dispositivi di autenticazione degli utenti (personale scolastico e studenti) e per la sicurezza delle reti sono basati su sistemi MajorNet, sfruttandone le specifiche funzioni quali:
    • accesso (autenticazione) con le credenziali di tutti i principali Identity Provider utilizzati nelle scuole, es. istruzione.it, Google Classroom, registri elettronici (es. Spaggiari Classe Viva), ecc.
    • moduli per consentire al personale della scuola di operare in smart working in maniera sicura e controllata
    • funzioni per la tutela legale (formale e sostanziale) del Dirigente Scolastico rispetto ai rischi della rete
    • altre funzioni specifiche come ad esempio il WebON per classe (il docente può abilitare e disabilitare tutta la classe alla navigazione)
    • conformità alle normative italiane, europee e al GDPR;
    • in opzione: drive interno alla scuola e altri servizi innovativi.

Le scuole possono richiedere senza impegno un progetto personalizzato e iscriversi ad uno dei webinar gratuiti in programma, durante i quali verranno fornite informazioni dettagliate relative al progetto. E’ sufficiente registrarsi qui.

WhatsApp
Telegram