Regione Lombardia vuole scegliersi i docenti da un albo regionale

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Dopo l’esito del referendum, la regiona Lombardia vuole chiedere al Governo più autonomia su 20 materie, tra cui l’istruzione.

La richiesta contenuta nella bozza sull’autonomia riguarda l’organizzazione regionale del sistema educativo con la programmazione della rete scolastica “compresi gli aspetti relativi alla definizione del fabbisogno e alla dotazione organica”.

Ma anche “la disciplina dell’organizzazione e del rapporto di lavoro del personale dirigente, docente, amministrativo delle istituzioni scolastiche”, con la costituzione di un albo regionale degli insegnanti dal quale attingere per il reclutamento diretto del personale docente da parte delle scuole. L’assunzione, da parte della Regione, delle funzioni amministrative esercitate dall’Ufficio scolastico regionale, con conseguente trasferimento in capo alla Regione stessa di risorse umane, strumentali e finanziarie; e con la definizione di un contratto collettivo a livello regionale, con salvaguardia del trattamento economici definito dai CCNL; la completa disciplina attuativa della parità scolastica e degli strumenti relativi.”

referendum-prima-bozza

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
voglioinsegnare