Autonomia, Fontana (Lombardia): competenza sulla scuola, altrimenti legge regionale

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Si riaccende il dibattito sull’autonomia differenziata, che vede contrapporsi i governatori delle regioni interessate (Lombardia e Veneto in primis) al neo Ministro Boccia.

Livelli essenziali punto di partenza

Il Ministro Boccia, come leggiamo su “Il Fatto Quotidiano“, afferma che sarà lui stesso ad intraprendere il dialogo con i governatori interessati, primo fra tutti Fontana, affinché ci si possa confrontare.

Boccia non è contrario all’autonomia, tuttavia indica il punto di partenza delle processo, ossia i livelli essenziali delle prestazioni:

“Partiamo dalla centralità dei servizi che dobbiamo fornire a tutti – spiega – Io credo ci si debba tenere per mano, la stella polare sarà la lotta alle diseguaglianze, che ci sono al nord come al sud. L’autonoma che ho in mente deve avere un collante, tenere per mano il Paese che è uno e crede fortemente nell’Europa; le sue autonomie sono un valore da difendere

Autonomia e scuola

Il governatore della Lombardia Fontana non sembra voler arretrare di un millimetro riguardo alla competenza della Regione sulla scuola:

[..] se alla Lombardia non sarà concessa la competenza sulla scuola, la Regione è pronta a varare una sua legge, sulla base di una sentenza della Corte Costituzionale che già dichiara che le Regioni possono organizzare una parte di questa materia.

Versione stampabile
Argomenti:
anief banner
soloformazione