Autonomia differenziata, Tajani: “Il Sud non può essere lasciato indietro. L’Italia non è composta solo da alcune regioni”

WhatsApp
Telegram

Sull’autonomia “non vogliamo frenare né fare melina. Ma non è una corsa contro il tempo quella che dobbiamo fare, bensì una riforma fatta bene”. Lo dice il ministro degli Esteri e coordinatore di Forza Italia, Antonio Tajani, in un’intervista al ‘Corriere della Sera’.

“L’Italia – spiega – è fatta da 60 milioni di cittadini, che non sono solo quelli di alcune regioni. E bisogna lavorare, come Costituzione prevede, perché tutti abbiano le stesse possibilità di sviluppo, assistenza, protezione, benessere. Il Nord ma anche il Sud, che non può essere lasciato indietro. E Roma Capitale, una battaglia che per primi abbiamo portato avanti. La vogliamo o no una Capitale all’altezza di Parigi, Berlino, Washington?”

“Le grandi fabbriche che hanno reso il Nord trainante sono state possibili anche grazie all’enorme capitale umano del lavoro di cittadini del Sud. Adesso dobbiamo lavorare ai Lep, pensare a un fondo di perequazione, tenendo conto che non faremo un decreto ma un disegno di legge e il Parlamento – conclude Tajani – avrà modo e tempo per discutere”.

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur