Autonomia differenziata, Emiliano: “Così le regioni più ricche avranno migliori insegnanti e medici”

WhatsApp
Telegram

“Con l’ autonomia ogni regione potrà legiferare in modo diverso sulle stesse materie e quindi un cittadino o un’impresa che ha sedi o interessi in tutto il territorio nazionale rischia di dover cambiare legislazione a seconda del luogo dove arriva”.

Lo ha detto il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, intervistato da Bruno Vespa a Cinque minuti, che poi rincara la dose.

E poi le regioni più ricche per quanto riguarda la sanità e la scuola, potranno integrare le retribuzioni dei lavoratori di quel settore e quindi ovviamente le regioni più povere saranno in una specie di dumping rispetto al poter ottenere i migliori insegnanti e i migliori medici“, aggiunge.

Il disegno di legge appena approvata in Senato

La legge, messa a punto dal ministro per gli Affari regionali, Roberto Calderoli, vuole dare attuazione a quanto previsto dal terzo comma dell’articolo 116 della Costituzione ai sensi del quale – sulla base di intesa fra lo Stato e la regione interessata – possono essere attribuite alle regioni a statuto ordinario, che ne facciano richiesta, forme e condizioni particolari di autonomia in 23 materieSi va dalla Salute all’Istruzione, dallo Sport all’Ambiente, passando per Energia, Trasporti, Cultura e Commercio Estero.

Cosa prevede il testo

La legge costituzionale permette alle Regioni a statuto ordinario di richiedere ulteriori forme di autonomia in materie di competenza legislativa concorrente e in alcune materie esclusive dello Stato, rispettando i principi di equilibrio finanziario.

Il Disegno di legge n. 615 è composto da dieci articoli e rappresenta uno strumento per l’attuazione dell’autonomia differenziata. Esiste un ampio dibattito accademico sull’autonomia differenziata, in particolare sulla sua implementazione in equilibrio con i principi di unità e uguaglianza. Gli studiosi sottolineano l’importanza di un approccio “solidaristico” o “cooperativo”, assicurando che ogni forma di differenziazione non minacci l’unità sociale ed economica della Repubblica.

Una questione particolarmente spinosa è la regionalizzazione dell’istruzione. Il Ministro Calderoli ha escluso il trasferimento di competenze in materia di norme generali sull’istruzione, puntando su un’analisi dettagliata e concreta delle richieste regionali.

TESTO

Autonomia differenziata, via libera del Senato al ddl Calderoli: cosa prevede. Tutte le misure

WhatsApp
Telegram

Abilitazione all’insegnamento 30 CFU. Corsi Abilitanti online attivi! Università Dante Alighieri