Nessuno vuole insegnare a Milano per il carovita, ma le Regioni potrebbero aumentare gli stipendi

Stampa

In un articolo su Firstonline, Walter Galbusera presenta un’analisi, che guarda da un’altra prospettiva il ruolo dell’autonomia regionale relativamente alle gabbie salariali e alla differenza di potere d’acquisto tra gli stipendi dei docenti del Nord e quelli del Sud.

Secondo l’autore, le regioni potrebbero farsi carico della differenza per portare equità nel potere d’acquisto, molto più favorevole al Sud che al Nord, senza intervenire sulla didattica e sui corsi d’insegnamento, ma solo dal lato finanziario.

Il costo della vita al Nord è più alto, scrive Galbusera, anche il doversi spostare da Nord a Sud richiede molti sacrifici: riequilibrare gli stipendi sul costo della vita sarebbe una soluzione giusta senza pensare di disgregare l’Italia.

Stampa

Eurosofia, scopri un modo nuovo e creativo per approcciarti all’arte: “Il metodo del diario visivo” ideato da Federica Ciribì