Regionalizzazione, Bussetti: occasione di crescita anche per il sud. Programmi sempre decisi dallo Stato

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Il Ministro Bussetti, intervistato da ItaliaOggi, è intervenuto sul processo di autonomia in atto per le regioni Veneto, Lombardia ed Emilia Romagna.

Autonomia: nessuna disparità

Il Ministro ha affermato che non vi sarà nessuna disparità e che la scuola resterà sempre e solo una soltanto.

Secondo Bussetti, l’autonomia costituisce un’occasione di crescita anche per le regioni del Sud e permette alle scuole di funzionare meglio, come testimoniato dagli esempi di Afragola e Caivano.

Autonomia: Stato vigilerà

Il titolare del Miur ha poi voluto sottolineare che lo Stato vigilerà, controllando che siano garantiti in tutte le regioni servizi di qualità, livelli di educazione e formazione adeguati in tutto il territorio nazionale.

Autonomia: programmi e ordinamenti

Bussetti, infine, ha affermato che tra le competenze che resteranno nelle mani dello Stato centrale vi sono quelle relative a programmi e ordinamenti.

Sottosegretario Giuliano (M5S) esprime preoccupazione

A esprimere preoccupazione è invece il Sottosegretario Salvatore Giuliano (M5S)

Regionalizzazione, Giuliano (M5s) preoccupato per conseguenze sui docenti

Versione stampabile
anief banner
soloformazione