Auto sfonda la recinzione e finisce nel giardino di un asilo: un bambino è deceduto. Bianchi: “Mi stringo al dolore delle famiglie”

WhatsApp
Telegram

All’Aquila, alcuni bambini che stavano giocando nel giardino dell’asilo sono stati travolti da un’auto che ha sfondato la recinzione esterna della struttura. 

Secondo le prime informazioni, sarebbero sei i bambini rimasti coinvolti, uno dei quali – così come riporta Ansa – è deceduto. Il piccolo di 4 anni sarebbe morto durante il trasporto in ospedale.

L’auto, in base a quanto risulta, era parcheggiata in una strada in discesa quando, per motivi ancora da accertare, si è tolto il freno. Sul posto ambulanze, vigili del Fuoco, polizia, carabinieri e Vigili urbani.

Ancora si registra, fra gli altri bimbi feriti, un caso grave.

“Sono profondamente addolorato, non riesco neppure a immaginare il dolore che stanno provando i genitori dei bambini feriti. Da padre e da rappresentante delle istituzioni sono sgomento. È una notizia terribile: speriamo e preghiamo che il bilancio non si aggravi”, ha commentato il sindaco de L’Aquila, Pierluigi Biondi, subito dopo avere visitato il luogo dell’incidente.

“Abbiamo appreso questa tragica notizia paradossalmente mentre stavamo festeggiando il primo bambino nato a Fontecchio, nelle aree interne, dopo l’approvazione della legge sullo spopolamento; il primo nato che ha ricevuto il contributo alla natalità. Siamo tutti sconvolti e vicini al dolore delle famiglie. Speriamo che questa tragedia non si aggravi, siamo in contatto con i sanitari per seguire costantemente l’evolversi della situazione”, ha detto il presidente della Regione Abruzzo, Marco Marsilio.

Anche il Ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi ha commentato il triste episodio: ”Mi stringo con profonda commozione al dolore delle famiglie e della comunità scolastica”.  Il Ministro ha contattato la dirigente dell’istituto per trasmetterle la sua vicinanza e il suo cordoglio.

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur