Autismo, in biblioteca testi in lingua comunicazione aumentativa alternativa

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Una biblioteca comunale di Roma ha dedicato uno scaffale ai testi per bambini autistici. I libri utilizzano un linguaggio basato su simboli e figure. Questo modo di comunicare è definito “Comunicazione aumentativa alternativa”.

E’ uno strumento dedicato ai bambini autistici per aiutarli a superare le difficoltà di comunicazione e la tendenza all’isolamento

La comunicazione aumentativa alternativa si avvale di figure, simboli e gesti. E’adatta anche a scuola come strumento di didattica. 

L’iniziativa di dedicare uno spazio nella biblioteca a questi testi è stata rilanciata dal Tg3 della Rai. Il servizio è stato riproposto su Facebook con tanto di testimonianze di una docente di sostegno e della direttrice della biblioteca.

Versione stampabile
anief
soloformazione