Autismo. Gli esperti delle Onlus concordi: inserire gli adolescenti nella rete sociale affiancati da un “compagno adulto-tutor”

WhatsApp WhatsApp

Anief  – La proposta è scaturita nel corso del convegno-seminario “Autismo, uno sguardo oltre l’infanzia”, svolto a Rende (Cs), alla presenza di numerosi analisti, psicologi ed esperti nazionali del settore davanti a oltre 200 persone, in prevalenza docenti: il coinvolgimento degli esercizi commerciali consentirebbe grandi risparmi e darebbe maggior efficacia a ciascun progetto educativo personalizzato sui giovani autistici.

Anief  – La proposta è scaturita nel corso del convegno-seminario “Autismo, uno sguardo oltre l’infanzia”, svolto a Rende (Cs), alla presenza di numerosi analisti, psicologi ed esperti nazionali del settore davanti a oltre 200 persone, in prevalenza docenti: il coinvolgimento degli esercizi commerciali consentirebbe grandi risparmi e darebbe maggior efficacia a ciascun progetto educativo personalizzato sui giovani autistici.

Lina Maranzano (“La Case delle Fate” Onlus): integrare i giovani autistici nel territorio è fondamentale. Per farlo, è necessario formalizzare un accordo tra le cooperative e i responsabili delle attività commerciali, ad iniziare dai bar o dai pub, che si rendessero disponibili ad accogliere i ragazzi autistici. I responsabili degli esercizi commerciali verrebbero formati dagli stessi operatori delle Onlus. Mentre i ragazzi, almeno all’inizio della loro esperienza di vita, verrebbero affiancati dai tutor-adulti. I quali, con il tempo, continuerebbero a seguirli a distanza. Fino, laddove sarà possibile, a lasciare i ragazzi ‘soli’ a svolgere l’attività appresa.

“Avviare interventi appropriati e individualizzati attraverso la rete sociale di ciascun territorio, in particolare gli esercizi commerciali, consentirebbe grandi risparmi e darebbe maggior efficacia a ciascun progetto educativo personalizzato sui giovani autistici in età adolescenziale”: è la proposta che, nella IV Giornata Mondiale della Consapevolezza dell’Autismo istituita dall’Onu, è giunta oggi dal convegno-seminario “Autismo, uno sguardo oltre l’infanzia”, svolto a Rende (Cs) alla presenza di numerosi analisti, psicologi ed esperti del settore che operano all’interno delle Onlus, davanti a oltre 200 persone, in prevalenza docenti.

Gli interventi, finalizzati ad ampliare l’orizzonte di riflessione e d'intervento sull'importante tema delle prospettive di vita degli individui con sindrome autistica, sono stati orientati a verificare proprio le possibilità di inserimento lavorativo. Decisiva, in questo senso, è la prospettiva di “un compagno adulto-tutor” che favorisca l’inclusione sociale dei giovani autistici, soprattutto in età adolescenziale.

I relatori hanno espresso la loro proposta dopo averla sperimentata, attraverso l’esperienza attiva tenuta all’interno di cooperative sociali per le quali prestano stabilmente la loro collaborazione. “Gli esperti di autismo sono convinti della forte esigenza di integrare i giovani autistici nel territorio. Per farlo, è necessario formalizzare un accordo tra le cooperative e i responsabili delle attività commerciali, ad iniziare dai bar o dai pub, che si rendessero disponibili ad accogliere i ragazzi autistici”, ha spiegato Lina Maranzano, fondatrice de “La Case delle Fate” Onlus.

“I responsabili degli esercizi commerciali – ha proseguito Maranzano – verrebbero ovviamente formati dagli stessi operatori delle Onlus. Mentre i ragazzi, almeno all’inizio della loro esperienza formativa e di vita, verrebbero affiancati dai tutor-adulti. I quali, con il tempo, continuerebbero a seguirli a distanza. Sino, laddove sarà possibile, a lasciare i ragazzi ‘soli’ a svolgere l’attività che hanno fatto propria. Perché spesso gli autistici possono vivere nella assoluta normalità, a patto che ciò venga realizzato nell’ambito di suggerimenti e di regole appropriate: quelle che la rete sociale ha sicuramente la possibilità di fornire”.

Per approfondimenti:

L’organizzazione dell’evento formativo è scaturita dalla collaborazione di tre Enti con "La Casa delle Fate" :

– L'Ordine – Professionale degli Assistenti Sociali della Calabria, che ha accreditato l’evento, I partecipanti Assistenti Sociali  riceveranno  n.5 crediti formativi.

– Eurosofia –  Ente di Formazione accreditata dal MIUR che rilascerà Attestato di Partecipazione valido per la formazione del CV dei docenti scolastici di ogni ordine e grado.   

– Anief – Associazione Nazionale Sindacale Professionale di Insegnanti e Formatori.

WhatsApp WhatsApp

Docenti neoassunti, formazione su didattica digitale integrata. Scegli il corso ideato da Eurosofia per acquisire le nuove, indispensabili competenze