Austria. Tre anni in più di scuola per recuperare le lacune ed essere pronti al mondo del lavoro

WhatsApp
Telegram

Novità in arrivo per l’obbligo scolastico in Austria: il referente governativo Kurz ha proposto di sostituire l’obbligo scolastico con quello di competenza, perché i giovani non escono preparati per il mondo del lavoro, dopo i 9 anni di obbligo scolastico. Così dal Sole24ore.com, in un articolo a firma Flavia Foradini

Novità in arrivo per l’obbligo scolastico in Austria: il referente governativo Kurz ha proposto di sostituire l’obbligo scolastico con quello di competenza, perché i giovani non escono preparati per il mondo del lavoro, dopo i 9 anni di obbligo scolastico. Così dal Sole24ore.com, in un articolo a firma Flavia Foradini

Gli studi PISA hanno evidenziato preoccupanti falle nella preparazione degli adolescenti: il 7% degli austriaci e il 26% dei migranti, presenta diffuse deficienze, in particolare nella lettura, nella scrittura e nella matematica, perduranti fino all’età di assolvimento dell’obbligo scolastico, non hanno le competenze di base per essere assorbiti dal mondo del lavoro.

La proposta è di restare tre anni in più nel circuito scolastico per recuperare le lacune; questo spingerebbe anche quelli più capaci, ma svogliati, di studiare senza indugi, per evitare di rimanere 3 anni in più a scuola.

L’opposizione definisce la proposta di Kurz una conferma del fallimento del sistema scolastico, che dovrebbe essere riformato in ingresso e non alla fine della formazione, visto che un bambino su quattro ha problemi con la lingua tedesca già alla scuola materna; la Camera del Lavoro e i sindacati si sono invece mostrati più favorevoli, ipotizzando corsi di di studio supplementari, oltre che in tedesco e matematica, anche in inglese. Per altri esperti della scuola invece l’obbligo scolastico dovrebbe essere elevato a 18 anni per tutti.

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur