“Aumento stipendi solo ai docenti con comprovate competenze e non a pioggia”, esplode la polemica sul nostro social. Sei d’accordo?

WhatsApp
Telegram

“Il docente torni autorevole. – ha detto il nuovo Ministro il giorno del suo insediamento – Mi batterò per questo”. Ma come? Molti docenti se lo sono chiesto dibattendo soluzioni sulla nostra bacheca Facebook, non senza qualche punta di polemica.

Merito

“Merito”, è la parola leitmotiv che, da quanto si intuisce, sottenderà tutte le azioni di riforma dell’attuale esecutivo capeggiato da Giorgia Meloni e che vede un uomo di cultura ed esperienza (anche politica) a capo del dicastero dell’istruzione.

Favorevoli? Contrari? Poco importa, in fin dei conti. L’idea di merito che l’esecutivo porterà avanti nell’ambito scolastico è stato chiarito durante il giorno dell’insediamento: consentire a tutti gli studenti di partire con stesse opportunità per dispiegare al meglio le proprie potenzialità e riportare la scuola alla sua originaria funzione di ascensore sociale. Vedremo come si attuerà e quale dibattito politico-culturale si innescherà.

E i docenti?

Merito o non merito gli aumenti stipendiali? Oggi ci sarà un incontro importante con i sindacati, importante perché amministrazione e parti sociali dovranno “prendersi le misure” e perché siamo in fase di rinnovo contrattuale pertanto capire cosa intende fare l’esecutivo non è cosa da poco dato che i lavoro sono già in stato avanzato.

Il dibattito sui social

Ad ogni modo, la questione merito / valorizzazione dei docenti / stipendio ha infiammato i nostri social. In particolare un commento, quello di Marco, ha scatenato una lunga sequela di risposte.

Lo stipendio va aumentato solo ai docenti con comprovate competenze, non a pioggia“, in conclusione, dice: la scuola non deve essere uno “stipendificio”. 

Concetto ardito, per certi versi, che ha urtato il comun sentire di alcuni colleghi.

Tu cosa ne pensi? Vota il sondaggio

Crea la tua indagine per il feedback degli utenti

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur