Aumento cattedre per mobilità e assunzioni: perchè creare inutili aspettative?

WhatsApp
Telegram

Sono un docente vincitore di concorso senza ruolo. Seguo quotidianamente le notizie legate alla mobilità e alle assunzioni per l’anno scolastico 2017/18. Probabilmente non conosco fino in fondo le dinamiche con cui vengono create le cattedre, però credo che sia stata fatta molta confusione sulla questione della trasformazione di posti da organico di fatto a organico di diritto per il prossimo anno. Diversi articoli pubblicati sul vostro sito hanno descritto questo fantomatico duello tra il MIUR e il MEF per stabilire il numero di posti attivabili. Oggi viene riportato come “notizia” il fatto che i soldi a disposizioni siano  145milioni per il 2017, utili per attivare solo 10mila posti. Credo immaginiate il profondo senso di delusione dei docenti che attendono il trasferimento o il ruolo visto che più volte da parte del MIUR e della vostra redazione si è fatto riferimento ad una quota di 25mila nuovi posti per il prossimo inizio di anno scolastico. Eppure mi chiedo quale sia il senso di sucitare tutta questa aspettativa tra i docenti quando era già palese che per il 2017 i soldi per tutte queste cattedre non ci fossero. Per rendersi conto di ciò, basta leggere il comma 366 dell’articolo 1 dell’ultima legge di bilancio riportato qui di seguito:

“Per il concorso alle finalita’ di cui al comma 364 del presente articolo, nello stato di previsione del Ministero dell’istruzione, dell’universita’ e della ricerca, e’ iscritto un fondo con una autonoma dotazione di 140 milioni di euro per l’anno 2017 e 400 milioni di euro a decorrere dall’anno 2018, da destinare all’incremento dell’organico dell’autonomia di cui all’articolo 1, comma 201, della legge 13 luglio 2015, n. 107. Al riparto del fondo si provvede con decreto del Ministro dell’istruzione, dell’universita’ e della ricerca, di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze.”

Pertanto, i famosi 400milioni tanto sbandierati dal MIUR saranno disponibili solo nel 2018.
Allora perchè tutti questi proclami sui 25mila nuovi posti?

Vorrei concludere questo commento con una domanda circa una possibile soluzione per creare comunque tutte queste cattedre il prima possibile: è possibile attivare i nuovi posti non finanziabili nel 2017 a partire dal primo gennaio 2018? In questo modo si procederebbe ad effettuare nomine giuridiche al primo settembre 2017 e autorizzare la presa di servizio vera e propria all’inizio dell’anno 2018.

Cordiali saluti
Francesco T.

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur