Aumenti stipendiali, non ci sono tutti i soldi. Mancano 48 euro degli 85 promessi.

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Per gli aumenti stipendiali promessi dal Governo Renzi e ribaditi dal Governo Gentiloni pare, secondo quanto comunica l’ANSA, che non ci sia la completa copertura finanziaria. Sarebbero tra i 1,5-1,6 miliardi, per aumenti di 85 euro sarebbero necessari 2,7-2,8 miliardi.

85 euro che allo stesso Ministro Fedeli sono sembrati pochi, ma a quanto pare si rischia di non raggiungere la cifra base promessa. Lo stanziamento dovrà essere inserito in legge di Bilancio, sommandosi ai fondi già messi da parte. Il budget per il rinnovo contrattuale, cumulato con ben tre manovre, sfiorerebbe così i 2,8 miliardi. E ciò considerando solo la Pubblica Amministrazione centrale. Gli enti locali e il resto della P.A dovranno, infatti, provvedere con le loro casse.

Per centrare l’obiettivo, concordato lo scorso novembre tra sindacati e Governo, mancherebbero all’appello circa 48 euro. Di certo per la segretaria generale della Fp Cgil, Serena Sorrentino, “gli 85 euro sono un punto imprescindibile” e va riconosciuto a “tutti i comparti”.

Altra questione riguarda gli 80 euro di bonus per i quali si dovrà trovare una strada che consenta la loro garanzia anche a fronte degli aumenti stipendiali previsti.

Nei prossimi giorni gli incontri tra Governo e sindacati dovrebbero dipanare questi nodi.

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione