Aumenti stipendiali, nel 2017 non sono arrivati. Chi può dimenticare la celebre frase “Gli insegnanti? Dovrebbero guadagnare il doppio”

Stampa

Sul numero di gennaio 2018 di Professione Docente un excursus di tutte le dichiarazioni del Ministro Fedeli sul rinnovo contrattuale e l’aumento degli stipendi per il personale della scuola.

Chi può dimenticare la celebre frase “Gli insegnanti? Dovrebbero guadagnare il doppio” pronunciata a L’Aria che tira di La7.

E ancora “Non è giusto che la retribuzione dei docenti sia la più bassa di tutta la Pubblica amministrazione“.  Lo afferma al Meeting di Cl la ministra dell’Istruzione  Valeria Fedeli, aggiungendo di essere  “ pronta a fare la battaglia ” per l’aumento degli stipendi.

L’unica promessa che avrebbe potuto essere rispettata, secondo il Coordinantore della Gilda degli Insegnanti Rino Di Meglio era quella di sottoscrivere un nuovo contratto entro la fine del 2017.
Tutte le altre promesse che riguardano la triste condizione economica degli insegnanti italiani, erano – afferma Di Meglio – enunciazioni puramente “politiche” in quanto il Governo, del quale fa parte la ministra Fedeli, non ha fatto corrispondere quegli impegni economici necessari alla loro realizzazione né presentato programmi per risalire la china.

A che punto siamo. I sindacati sono stati convocati il 2 gennaio all’Aran. C’è la volonta di chiudere presto, ma i sindacati chiedono risorse aggiuntive.

Contratto scuola. Sprint finale per portare ad un aumento di 200 euro al mese, ma c’è il “trucco”

Stampa

“App-prendo insieme per una rete sicura” è il nuovo progetto di Eurosofia a cura del Prof. Francesco Pira. Il 4 febbraio segui la diretta