Aumenti stipendiali: meno ai più anziani per finanziare i più giovani? Lettera

Libero Tassella – Non vorrei che i furbacchioni di Sindacalisti si inventino l’artificio della “Piramide rovesciata”, io che sono alla fine della carriera non prendo nulla o prendo poco più di niente e finanzio con quello che mi sottraggono i colleghi che sono nella prima parte della loro carrieta retributiva.

Insomma con un po’ di creatività sindacale e governativa, la Fedeli é stata una sindacalista prevista dalla Madia e dalle Confederazioni lo scorso anno ( novembre 2016) fanno una distribuzione dei pani e dei pesci.

Così ci guadagnano anche sulle pensioni da liquidare a partire dall’1.9. 2018 e per coloro che sono andati in pensione nel 2016 e nel

2017. Ecco come ci potrebbero fregare, gli anziani finanziano il contratto dei più giovani, si fa pert dire.Un contratto baratto e in parte autofinanziato.

Segui il nuovo ciclo formativo Eurosofia: “Educazione civica, cittadinanza attiva e cultura della sostenibilità a scuola”