Aumenti stipendiali, firmato contratto: da 81 euro a 110. Tutti gli incrementi per ATA e docenti dall’infanzia alle superiori

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Novità per quanto riguarda gli stipendi. Infatti gli aumenti andranno da un minimo di 81 euro ad un massimo di 111.

DOCENTI

Le cifre più basse, relativamente ai docenti, riguarderanno i maestri di infanzia e primaria e per i docenti diplomati delle medie con bassa anzianità di servizio, 0-8 anni. Quelle più alte riguarderanno i docenti laureati che insegnano alle superiori con più di 35 anni di servizio.

Alle cifre di aumento si è arrivati anche aggiungendo nel totale dei fondi stanziati anche il bonus premiale di 200 milioni di euro per il merito che, come anticipato dalla nostra redazione, è stato diviso in parti. Una parte (100 milioni) andrà direttamente negli stipendi, l’altra parte andrà a contrattazione e servirà per valutare i docenti e premiarli.

Alcuni esempi

Per i docenti dell’infanzia ed elementare gli aumenti andranno da 85,50 euro per chi ha fino a 8 anni di servizio, fino ad un massimo di 97,7 euro per chi ha 35 anni di servizio

Per i diplomati che insegnano alle superiori gli aumenti andranno da 85,50 euro a 99,70.

Per i docenti di scuola media da 85,50 euro a 106,70 (inclusi i docenti di educazione fisica).

Per i docenti laureati gli auenti andranno da 85,50 euro fino a 110,70.

ATA

Per quanto riguarda il personale ATA.

Relativamente ai collaboratori scolastici, gli aumenti andranno da 80,40 euro, per chi ha fino a 8 anni di servizio, fino a 88,40 euro, per chi ha 35 anni di servizio.

I coordinatori amministrativi e tecnici andranno dagli 81,20 euo fino a 90,20 euro.

I DSGA, infine, avranno aumenti da 81,50 euro fino a 105,50.

AUMENTI PROBABILMENTE DA APRILE + ARRETRATI Leggi tutto

Leggi tutto su mobilità, permessi, potenziamento

IL TESTO DEL CONTRATTO

FEDELI: Aumento medio 96 euro. Più di quanto previsto. Leggi tutto

I sindacati FLCGIL, CISL, UIL:  aumenti fino a 110 euro, salvo il bonus 80 euro, no aumento orario lavoro

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
voglioinsegnare