Aumenti stipendiali: alla fine potrebbero essere 50 euro netti, con premi per il merito. Sono adeguati? Partecipa al sondaggio

Stampa

Oggi la stretta finale sul contratto dei dipendenti statali, per quanto riguarda la parte economica. Entro Natale, come già detto, la partita si chiuderà per alcuni comparti ( Ministeri, agenzie fiscali ed enti pubblici non economici), ma sarà poi ripetuta per gli altri, compresa la scuola.

Alla fine, quindi, l’aumento potrebbe essere di 50 euro netti mensili. La novità è costituita dal fatto che l’aumento dovrebbe riguardare in maniera sostanziale tutti i dipendenti, senza quell’invenzione della “piramide rovesciata” tanto osteggiata dai sindacati.

A far propendere verso questa ipotesi l’avvicinarsi delle elezioni (data possibile il 4 marzo 2018) e delle elezioni per le RSU.

Alla fine la differenza la faranno i premi. Verrà inserita una norma secondo la quale un dipendente statale può arrivare a percepire un premio superiore del 30% rispetto ai premi erogati ai colleghi. Un super premio insomma, che però potrà essere erogato al massimo al 30% dei dipendenti di quell’amministrazione.

Ma per la scuola il discorso “merito” è una spina nel fianco, che difficilmente potrà abbracciare tale soluzione.

I sindacati della scuola

FLC Cgil, Cisl Scuola, Uil Scuola Rua e Snals Confsal

hanno chiesto un incontro al Premier Gentiloni, per salvaguardare la specificità della scuola.

Stampa

Dattilografia + ECDL: 1,60 punti per il personale ATA a soli 160€!