Aumenti stipendi, Anief: se va bene nel mese di maggio

di redazione
ipsef

item-thumbnail

comunicato Anief  – Ancora una brutta notizia per 1 milione e 200 mila lavoratori della scuola: i sospirati aumenti miseria non arriveranno in busta paga nemmeno a fine mese, tramite un’emissione speciale, ma se va bene nel prossimo mese di maggio. I motivi sono dovuti ai ritardi negli adempimenti di rito, sull’accordo raggiunto all’Aran ad inizio febbraio, complicati dalla situazione d’impasse che sta vivendo la politica italiana ancora molto lontana dalla formazione del governo della nuova legislatura. Ciò vuol dire che se l’attuale ingarbugliata situazione non dovesse sbloccarsi, gli incrementi medi di 85 euro lordi promossi a marzo, potrebbero essere corrisposti addirittura in estate.

Ma di che cifre stiamo parlando? Decisamente magre. Partiamo dagli arretrati, relativi al biennio 2016-2017, rispettivamente 13 volte sotto il tasso IPCA aggiornato per il 2016/17 e 3 volte inferiore per il 2018: in termini pratici, verranno corrisposti 435 euro, in media, a fronte di oltre 6mila spettanti. Un discorso non molto diverso, sempre ad ampio danno dei docenti e Ata, riguarda gli aumenti mensili che in base agli accordi dovevano scattare dal 1° marzo 2018: anziché la micragna di 85 euro di incremento, di fatto tra i 37 e i 52 euro netti, un aumento equo non avrebbe dovuto essere sotto i 300 euro.

“È per questo motivo che come Anief abbiamo definito l’intesa del 9 febbraio l’accordo della vergogna”, ricorda il suo presidente nazionale Marcello Pacifico. “Perché il tasso IPCA dal 2008 al 2016 è aumentato del 8,52%, poi del 9,32 per il 2017 e dell’11,22 per quanto riguarda quest’anno, a fronte degli aumenti pattuiti rispettivamente dello 0,36%, 1.09% e del 3,48%. Come ricordato la settimana scorsa dalla Corte dei Conti, non senza osservazioni. Del resto, gli economisti sanno bene che l’inflazione rimane l’unico strumento per valutare nel rinnovo della forma contrattuale se gli aumenti sono giusti o esigui”.

“Non è un caso – continua il sindacalista autonomo – che dal settembre 2015 si sarebbe dovuta sbloccare l’indennità di vacanza contrattuale, per legge e non per concessione, mentre oggi è ancora al 50% del tasso IPCA, salvo il recupero di almeno il 50% al rinnovo contrattuale. Resta il mistero sulle quattro mensilità non riconosciute dal settembre 2015, come aveva esplicitamente indicato la Corte Costituzionale, quasi come se per quell’anno si fosse adottato un calendario lunare e non solare. Per non parlare delle prime mensilità del 2018, utilizzate nel processo perequativo, escogitato per salvare gli stipendi più bassi sulla pelle dei colleghi e non incrementando i finanziamenti pubblici, peraltro con certezza di coprire il disavanzo solo fino al 31 dicembre di quest’anno”.

Anief ha messo a disposizione dei ricorrenti il modello di diffida gratuito per ottenere quanto dovuto dallo Stato e per richiedere quanto spetta di diritto. Anief prosegue i ricorsi gratuiti per attribuire il conferimento dell’indennità di vacanza contrattuale nel periodo 2008-2018. Si ricorda che la violazione della normativa comunitaria riguarda anche la mancata stabilizzazione: si può quindi decidere di ricorrere in tribunale per ottenere scatti di anzianità, il pagamento dei mesi estivi e adeguati risarcimenti. Ai ricorsi sono interessati, come precedentemente detto, pure i lavoratori già immessi in ruolo.

12 aprile 2018

Ufficio Stampa Anief

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
voglioinsegnare