Aumenti pensioni liquidate nel biennio 2016/2017: due le ipotesi in campo

di Lucrezia Di Dio
ipsef

item-thumbnail

Per il personale della scuola collocato a riposo nel biennio 2016/2017 l’Inps dovrà fare un ricalcolo del trattamento pensionistico liquidato tenendo conto degli aumenti stipendiali  previsti dal rinnovo contrattuale sottoscritto l’8 febbraio e relativo agli anni 2016-2018.

La notizia, riportata su Italia oggi in un articolo di Nicola Mondelli a pagina 36, specifica che per gli anni 2016 e 2017 andranno inseriti nella retribuzione pensionabile i relativi aumenti stipendiali previsti per il biennio in questione e questo comporterà, senza ombra di dubbio un aumento della pensione già liquidata. L’aumento in questione, in ogni caso, sarà differenziato in base alla pensione spettante al singolo dipendente e le ipotesi in campo attualmente sembrano essere due.,




Da una parte la misura dell’aumento potrebbe aggirarsi tra i 50 e i 60 euro mensili se la pensione è stata calcolata con il metodo retributivo per tutti gli anni prestati fino al 2011 e con il metodo contributivo per i successivi (tale sistema di calcolo è applicabile soloa coloro che alla data del 31 dicembre 1995 poteva far valere almeno 18 anni di contributi, ovvero circa il 30% del personale in questione).

L’aumento potrebbe, invece, non superare i 20 euro mensili se il sistema di calcolo retributivo è stato utilizzato per i periodi fino al 31 dicembre 1995 e il contributivo per i periodi successivi.

Tempistiche di erogazione

Le tempistiche del ricalcolo dovranno essere illustrate con apposite circolari e i tempi necessari per le erogazioni, che al momento sembrano essere abbastanza lunghi, potranno essere valutati proprio in base alla rapidità della pubblicazione di tali indicazioni. In ogni caso, si presume che i i tempi non saranno brevi.

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
soloformazione