Aumentano gli italiani che fanno debiti per comprare i libri scolastici

WhatsApp
Telegram

GB – L’osservatorio mensile della Findomestic ha riscontrato un aumento dei prestiti richiesti per provvedere alla istruzione dei piccoli di casa.

Il mese di Settembre si era aperto con la notizia di un vero e proprio aumento delle spese scolastiche, con cifre di 700 euro medie da sostenere per ogni studente, e una crescita del 27% dei costi rispetto allo scorso anno.

Si ricorre al prestito proprio perché il reddito percepito, o in generale i risparmi posseduti, non sono sufficienti a sostenere il peso dell’ acquisto dei libri scolastici.

GB – L’osservatorio mensile della Findomestic ha riscontrato un aumento dei prestiti richiesti per provvedere alla istruzione dei piccoli di casa.

Il mese di Settembre si era aperto con la notizia di un vero e proprio aumento delle spese scolastiche, con cifre di 700 euro medie da sostenere per ogni studente, e una crescita del 27% dei costi rispetto allo scorso anno.

Si ricorre al prestito proprio perché il reddito percepito, o in generale i risparmi posseduti, non sono sufficienti a sostenere il peso dell’ acquisto dei libri scolastici.

Lo scorso anno una buona percentuale di famiglie ( il 60%) riusciva a far fronte a tali spese anche con i soli risparmi, oggi non più, la percentuale è infatti scesa al 25%.

Il 7% delle famiglie opta per l’ aiuto di parenti ed amici, un ulteriore 6% accede alle varie borse di studio presenti.

La spesa media per il corredo scolastico è di circa 700 euro, che tendono ad aumentare notevolmente fino ad arrivare ad una cifra di 1000 euro per i licei, unica nota positiva è per le spese da sostenere sulle scuole elementari, che registrano invece valori attorno ai 480 euro.

I dati infatti diffusi dall’ osservatorio mensile Findomestic, mostrano rispetto allo scorso anno degli aumenti medi sulla spesa scolastica attorno al 27%, con punte di 49% per i licei, 47% per gli istituti scolastici in generale, e del 19,5% per le scuole medie. Fermi al 5% solo appunto le scuole elementari, che registrano un aumento nella norma.

Secondo i dati dell’ osservatorio mensile Findomestic almeno un italiano su quattro ha optato per l’ acquisto sul web per libri e dizionari, o in generale per la cancelleria, viste le importanti promozioni presenti sul sistema virtuale rispetto agli altri sistemi tradizionali.

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur