Aumentano i contagi, rischio lockdown: fuori casa solo per andare a scuola e a lavoro. Le ipotesi

Stampa

Continuano a salire i contagi per Covid in Italia: secondo il bollettino del ministero della Salute l’incremento nelle ultime 24 ore è di 19.143, individuati con 182.032 tamponi, il numero più alto dall’inizio dell’emergenza. Il governo organizza una nuova stretta.

Fissato per oggi, secondo le anticipazioni del Corriere, l’incontro tra Governo e Regioni per nuove misure anti covid.

Si valutano gli effetti delle strette previste dal Dpcm del 18 ottobre, ma il premier Giuseppe Conte sarebbe già pronto, qualora i contagi non dovessero diminuire, a un coprifuoco nazionale con l’emanazione di un nuovo Dpcm. Si potrebbe anche puntare a limitare le uscite dalle proprie abitazioni soltanto per recarsi al lavoro e a scuola. Il Governo ribadisce la necessità di tenere le scuole aperte, nonostante diverse ordinanze regionali emanate in queste ore abbiano optato per la chiusura o l’incremento della didattica a distanza per le classi secondarie di secondo grado, come la Campania e Lombardia.

Si monitora la curva epidemiologica e si lavora alle attività che possono essere non essenziali e quindi essere fermate, con apposito provvedimento del ministero della Salute.

Potrebbero essere imposti limitazioni negli spostamenti territoriali, oltre a quelli già previsti al momento dalle ordinanze regionali. L’obiettivo del Governo è non arrivare al limite con le terapie intensive, cercando di non sovraccaricare il sistema sanitario. In quest’ultimo caso sarebbe inevitabile un lockdown generale.

Coronavirus: didattica a distanza, scuole chiuse, stop spostamenti, lockdown. Aggiornamenti per Regione

Stampa

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia