Aumenta il limite massimo di alunni per classe

di
ipsef

L’agenzia ASCA, facendo riferimento ad un articolo di Tuttoscuola, ricorda che il regolamento per la razionalizzazione della rete scolastica (DPR 81/2009) ha previsto anche l’innalzamento dei limiti minimi e massimi per la formazione delle classi.

L’agenzia ASCA, facendo riferimento ad un articolo di Tuttoscuola, ricorda che il regolamento per la razionalizzazione della rete scolastica (DPR 81/2009) ha previsto anche l’innalzamento dei limiti minimi e massimi per la formazione delle classi.

"In prima applicazione, per il 2009-10 e’ stato applicato soltanto l’innalzamento dei minimi, mentre il numero massimo verra’ applicato dal prossimo anno scolastico."

L’effetto sarà una contrazione degli organici dovuta alla riduzione del numero delle classi del primo anno di corso.

Ma gli effetti saranno anche sulla qualità dell’insegnamento, dal momento che i docenti dovranno confrontarsi con classi numerose. Ad esempio "nelle sezioni di scuola dell’infanzia statale il numero minimo era gia’ passato lo scorso anno da 15 a 18 bambini; il numero massimo passera’ dal prossimo settembre da 25 a 26 bambini. In caso di piu’ sezioni nella stessa scuola il numero massimo, gia’ fissato a 28, passera’ a 29 bambini."

"Nella scuola primaria il numero minimo per costituire una classe era gia’ passato l’anno scorso da 10 a 15 alunni. Dal prossimo settembre il numero massimo passera’ da 25 a 26, elevabile a 27. Nei comuni montani, piccole isole e territori con minoranze linguistiche il minimo e’ confermato a 10. Le pluriclassi, gia’ costituite da non meno di 8 alunni (prima erano 6), da settembre potranno avere non piu’ di 18 alunni (prima il limite massimo era fissato a 12)."

"Nelle prime classi della secondaria di I grado, dove il numero minimo l’anno scorso era salito da 15 a 18 alunni, il numero massimo passera’ da 25 a 26, elevabili fino a 27 alunni. Le prime classi delle superiori saranno costituite, di norma, da almeno 27 studenti (prima erano 25)."

http://www.asca.it/news

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione